Il Movimento 5 Stelle, attraverso i consiglieri regionali Mario Conca e Marco Galante, inviano tre interrogazioni al Presidente della Giunta nonché assessore alla Sanità, Michele Emiliano, e al Direttore Generale dell’ASL Bari, Vito Montanaro a tutela di trasparenza, legalità ed efficienza nella gestione della Sanità in Puglia. “Si tratta di tre interrogazioni frutto di altrettante segnalazioni  pervenuteci dal territorio – dicono i due consiglieri – e che riteniamo doveroso sottoporre all’attenzione degli organi di governo  regionali”.

Il primo quesito di cui i pentastellati chiedono conto richiama il  processo sulla presunta truffa da oltre 400mila euro nell’affidamento  del servizio di 118 a Ruvo di Puglia, che vede imputati l’ex coordinatore del 118 dell’ASL BA, Marco De Giosa, ed il direttore del Dipartimento di Prevenzione, Domenico Lagravinese. “A partire da questa  vicenda, chiediamo ad Emiliano e Montanaro – sottolineano i  consiglieri – se Regione Puglia ed ASL BA intendono costituirsi parte civile all’interno di tale processo, quali azioni si intendono  intraprendere nei confronti dei due imputati e se ci sono, nei posti  dirigenziali delle Aziende Ospedaliere della regione, rinviati a giudizio o condannati per reati contro la pubblica amministrazione. Inoltre chiediamo quali sono i provvedimenti assunti ad oggi nei loro confronti”.

La seconda interrogazione pone l’attenzione sulla composizione delle  commissioni distrettuali per l’accertamento delle invalidità civili. “Considerando che tali importanti commissioni restano in carica per  tre anni dalla loro composizione e che tale termine è stato da poco superato – incalzano Conca e Galante – chiediamo procedure trasparenti per il rinnovo delle stesse, con una graduatoria pubblica e formulata sulla base di criteri di selezione certi ed una puntuale  applicazione del principio di rotazione”.

Una disposizione di servizio dello scorso 27 Luglio, firmata dal dott. Domenico Lagravinese, e che modifica l’operatività dei Servizi Medici del Dipartimento di Prevenzione operanti nel comune di Santeramo in Colle, spostandoli dalla Macro-Area Nord alla Macro-Area Sud, è alla base della terza interrogazioni depositata quest’oggi dai consiglieri 5 stelle della III Commissione. Galante e Conca  interrogano l’assessore Emiliano e il DG Montanaro per conoscere i motivi alla base di tale decisione, evidenziando che la stessa  comporterà aggravi di spesa e un calo di operatività ed efficienza  nell’erogazione di tali servizi (SPESAL, SIAN, SISP).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here