Dalla Regione Puglia sembrano giungere buone nuove per chi, dai 15 ai 29 anni, non cerca un lavoro, né riceve una formazione, né studia (i cosiddetti NEET). L’assessore all’Istruzione, alla Formazione e al Lavoro Sebastiano Leo fa sapere: “Da oggi possono ripartire le azioni di accoglienza, presa in carico ed orientamento ai giovani pugliesi – nell’ambito del nuovo programma Garanzia Giovani –, da parte delle agenzie per il lavoro accreditate alla Regione Puglia e selezionate con apposito bando. Pertanto le ragazze e i ragazzi iscritti a Garanzia Giovani potranno rivolgersi agli Enti, per queste azioni preliminari alle misure di politiche attive per il lavoro e di formazione professionale”.

“La possibilità di iscrizione al programma Garanzia Giovani, da parte dei nostri giovani – spiega Leo –, è sempre stata consentita senza soluzione di continuità. A partire da oggi, in rigoroso ordine cronologico, i circa 1.500 ragazzi iscritti nelle ultime settimane saranno contattati per attivarsi per la presa in carico, il colloquio individuale, il profiling e la consulenza orientativa relativi alla nuova Garanzia Giovani”. L’assessore regionale conclude: “Stiamo definendo con ANPAL (Agenzia nazionale politiche attive del lavoro, ndr) gli ultimi adempimenti tecnici necessari, per dare avvio anche alle misure di formazione e di politica attiva successive alla presa in carico e contiamo di dare piena attuazione a Garanzia Giovani 2 nelle prossime settimane lavorative”.