Potrebbe avviarsi verso la conclusione il caso dei dipendenti della GMS, da mesi sotto i riflettori per la vicenda della revoca dell’accreditamento per il centro di riabilitazione Padre Pio di Capurso. Oggi, infatti, si è tenuto un nuovo incontro tra le sigle sindacali per valutare la situazione e trovare un accordo in vista del futuro giudizio da parte del Tar.

“Pur permanendo le perplessità legate alla contestuale presenza della procedura di concordato e l’odierna mancata revoca della procedura di licenziamento collettivo – scrivono i sindacati al termine dell’incontro – le parti convengono di riaggiornare la riunione al giorno 30 maggio 2018”.

Una data non casuale. Quel giorno i sindacati potranno verificare l’esito del giudizio pendente dinanzi al Tar Puglia relativamente alla voltura delle autorizzazioni all’esercizio dell’attività di riabilitazione da parte di GMS in favore della Mefir: “In caso di accoglimento da parte del Tribunale – scrivo i sindacati – si determinerà la revoca immediata della procedura di licenziamento da parte della società GMS”.

In questo modo finirebbe il lungo calvario dei 170 dipendenti, molti dei quali ridotti sul lastrico.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here