Una drastica riduzione dei fondi statali per regime di mobilità e cassa integrazione ridurrà fortemente il numero dei beneficiari di questi ammortizzatori in Puglia . Per il biennio 2014-2015, lo stanziamento è di 78 milioni di euro, una cifra che vedrà scendere da 23mila a ottomila il numero di lavoratori in mobilità e da più di novemila ad appena tremila i cassintegrati.

A illustrare le cifre è stato l’assessore regionale al Lavoro Leo Caroli, dopo il vertice coi sindacati in cui si è discusso dell’utilizzo dei fondi. L’assessore si è mostrato preoccupato per le cifre. Dai 350 milioni stanziati nel 2012 per la Puglia, si è passati ai 250 del 2013 per arrivare ai 78 arrivati oggi che dovranno servire a coprire le necessità del 2014 e del 2015

«Il 4 agosto 2014 un decreto interministeriale ha modificato i criteri di accesso alla mobilità in deroga — ha dichiarato l’assessore — stabilendo la sostanziale cancellazione della tutela. Ci siamo opposti in tutti i modi alle modifiche, ma è stato inutile»

print

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here