Prima a cercare un barbiere aperto, poi a fare la spesa, un po’ d’aria sulla panchina e la lettura dei quotidiani in edicola. E siamo ancora nel lockdown. Le passeggiate come quella di questo anziano signore preoccupano e non poco. Gli spostamenti non necessari adesso cominciano a essere la maggior parte, anche in considerazione dei minori controlli. L’aria che si respira è quella del “tana libera tutti”. Del resto, se il Governo autorizza a tornare dai parenti fino a quelli di sesto grado, è ovvio che si abbia molta confusione.

Da un lato si continua a fare “terrorismo” – tanto per dirla col linguaggio dei complottisti -, dall’altro si concedono pretesti per animare le città moribonde. “Restate a casa”, “Se non lo fate richiudiamo tutto” e via dicendo, mentre si premiano i congiunti alla lontana. La confusione è tanta e i più spaesati sono gli anziani. A loro, che hanno vissuto altre crisi, il cornonavirus non preoccupata. Così come non sono per niente preoccupati uomini e donne che non sanno più come sfamare i propri figli e quindi vivono continuamente nel rischio.

La fase 2 o 1 più 1 o 2 meno 1 come dice qualcuno parte senza la contestata applicazione per il tracciamento, che forse sarà pronta per il 18 maggio. Senza contare che i test sierologici – ammesso che servono a qualcosa – non sono stati fatti, in qualche caso anche dove sono stati annunciati in pompa magna. In fin dei conti ripartiamo completamente al buio.

È come la storia delle mascherine e degli altri dispositivi di sicurezza arrivati nel pieno della pandemia, con grande esaltazione di molti. Un pensiero va ai tanti ignari positivi asintomatici, ai quali non è stato fatto il tampone. Insomma, la situazione è particolarmente delicata.

Più che i decreti, le leggi e le regole, alle quali abbiamo ampiamente dimostrato di non essere avvezzi, bisognerebbe fare affidamento sul buonsenso e sul livello di responsabilità di ciascuno. Dobbiamo tornare a vivere e lavorare, ma facciamolo in sicurezza, per la sicurezza di chi amiamo e anche per evitare di essere rimessi in gabbia nel giro di un paio di settimane. Non contribuiamo al virus come hanno fatto tanti italiani finora.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here