Gli automobilisti virtuosi, quelli che non hanno mai preso il cellulare mentre erano alla guida, anche solo per vedere un messaggio fermi al semaforo rosso, sono una specie in via d’estinzione. Io stesso in un’occasione sono stato graziato.

È di questi giorni la notizia di 23 “centralinisti” al volante beccati in poche ore. Il Sindaco di Bari, Antonio Decaro ha rilanciato proponendo l’automobilista con doppio telefono come concorrente di una trasmissione a caccia di fenomeni. In tanti si sono chiesti come guidasse il campione, impegnato contemporaneamente in una chat e una conversazione mentre era alla guida sulla strada statale 16.

Oggi, però, una sanzione simbolica la elevano i cittadini baresi al rappresentante della Polizia Locale alla guida dell’auto di servizio, condotta a bassa velocità su viale Einaudi, con il cellulare all’orecchio sinistro. Non sappiamo con chi stesse parlando per diverse centinaia di metri, ma chi lo ha immortalato è rimasto senza parole.

Va detto che in molti casi le comunicazioni con la centrale operativa avvengono proprio attraverso il cellulare per non tenere impegnato oltremodo il canale radio. Giusto, ma in quel caso è solitamente chi siede sul sedile del passeggero a parlare al telefono, non chi guida. Questo dice se non altro il buonsenso.

L’uomo in divisa, col braccio appoggiato allo sportello col finestrino abbassato, sorrideva, appariva sereno, non impegnato in comunicazioni di servizio o per la gestione di un’emergenza. Ma pure fosse, non bisognerebbe mai, soprattutto se in divisa, dare anche solo l’impressione di trasgredire il codice della strada, che si deve far rispettare, soprattutto con l’esempio, evitando di parlare il telefono, allacciando le cinture di sicurezza e non fumando mentre si è alla guida dell’auto della Polizia Locale, come vi faremo pure vedere. Il cambiamento deve essere culturale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here