“Non posso venire a lavorare oggi, il medico mi ha diagnosticato un principio di bronchite e ho la febbre alta”. Se carichi e scarichi materiali pesanti sai che in quelle condizioni potresti essere un pericolo per te e per gli altri e allora chiedi una mezza giornata di tregua, anche perché sarebbe la prima volta negli ultimi tre o quattro anni. La visione del datore di lavoro, però, è diversa. “Non me ne frega niente se hai la bronchite, potresti stare per morire, devi venire a lavorare. In caso contrario rimani a casa anche domani, il mese prossimo e l’anno prossimo”.

Succede ancora, purtroppo, indipendentemente dai concertoni o dalle marce. Succede a Bari, non in uno sperduto paese di chissà quale pezzo del mondo arretrato. Un lavoraccio che ti spacca la schiena, ma anche la dignità se hai superato i 50 anni e quel fottutissimo pezzo di pane a casa lo devi portare. Sì, perché i tuoi figli non possono aspettare per mangiare, andare a scuola. Lasciamo stare lo svago, parliamo dell’essenziale.

Tutto per 500 euro al mese in busta paga e altri duecento in nero, ballerini, perché non sai mai quando arriveranno. Se diventa troppo il credito allora si va di forfait; dalla mattina quando il sole non è ancora sorto a quando non ce più la sera. Sempre, con o senza l’ora legale, perché in certi postacci, in cui il sindacato, gli ispettori del lavoro e la Guardia di Finanza non mettono piede, il sole sostituisce il cartellino.

Ma c’è la pausa. La pausa? Dieci minuti per addentare un panino e andare al bagno. Bene fai a non fumare perché di quella sigaretta devi dare conto a chiunque, anche al capetto che informa il datore di lavoro di tutti i tuoi passi. Lui, che non ha ancora figli, i 200 euro in nero neppure li prende. Ciò che impressione è la diffusione di queste storie di diritti calpestati sul luogo dello sfruttamento. Sì, perché questo non è lavoro. Dedichiamo questo Primo Maggio, rimasto soprattutto un simbolo, un concerto, una marcia, la festa e non la memoria, il giorno del comizio, a chi ha smesso di lottare, perché non ha più la forza di farlo e ormai non crede più a chi dovrebbe tutelarlo e gli dice: “Non possiamo fare molto per la tua situazione. Tieniti strette quei 700 euro perché c’è crisi”.

Un monito per chi protesta e sciopera per la tredicesima, per uno stipendio arretrato, per il contratto bloccato da dieci anni, per un trasferimento negato, per un giorno in più di ferie.

print

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here