Ero indeciso sul da farsi, ma conoscendo bene don Tonio Lobalsamo, ho scelto di scrivere senza interpellarlo. Mi avrebbe detto: “Non farmi dire niente”. In redazione stamattina è arrivata una lettera anonima e si è subito scatenato il panico. In questi casi non sai mai se si tratti di una supercazzola o della notizia del secolo. Non sai chi sia il misterioso denunciatore di fatti che non ha il coraggio di denunciare in autonomia.

Mi è subito scappato il sorriso, perché ho pensato: “Ci riasiamo”. Capita a Capurso ciò che inizialmente è successo ad Adelfia e chissà dove altro, quando qualcuno vede i serpenti di don Tonio, attuale parroco della chiesa Madre di Capurso. Sgomento e indignazione, mentre qualcuno pensa persino sia opera del diavolo o che in certe omelie il sacerdote li usi per mimare lo schiacciamento della biblica serpe.

Don Tonio è semplicemente appassionato di quel genere di animali, che accudisce amorevolmente come fossero cani, gatti, criceti o coniglietti. Nel corso del tempo qualcuno glieli ha portati perché non poteva più occuparsene. Ricordo il merlo e il suo continuo ripetere: “Roberto no”, oppure quella volta che iniziò a fare il verso durante un funerale. Avete presente il verso del merlo? Sembra una risata.

La lettera anonima è perentoria: in quel luogo di culto, frequentato da tanti fedeli (grazie a Dio ora un po’ più di prima), quegli aninali esotici proprio non possono starci. Bene, essendo dotato di tutti i documenti necessari alla loro detenzione, don Tonio ha tutto il diritto di continuare ad occuparsene, con la certezza che il “padrone” di tutti gli animali della Terra non gliene vorrà.

La considerazione successiva è stata che le serpi piuttosto sono vive e strisciano in mezzo a noi. Sì, perché sarebbe bastato esprimere al sacerdote le proprie perplessità per avere risposte più o meno convincenti. Non oso immaginare cosa potrebbe pensare il fedele, nel caso in cui sui si trovi costretto a vedere don Tonio dar da mangiare topolini, cavie e vermi a quegli animali. Probabilmente non frequenterà più quella chiesa, ma del resto chi non appiccica a difetti e negligenze dei preti il motivo della propria fede vacillante. Caro lettore, abbiamo verificato e non abbiamo trovato nulla di sconveniente in quelle serpi.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here