Apprendo da questo articolo che i nostri modi non piacciono a gioianews.it, sono “urlati” e “intimidatori” come quelli di Striscia la Notizia e delle Iene. Da quest’altro articolo – sempre di gioianews.it, invece, apprendo che sono un “ottimo collega”. Al netto dell’indeciso giudizio sul mio (nostro) conto dei colleghi dell’ottima testata online gioiese resta un fatto gravissimo: la presidente del Comitato della Croce Rossa di Gioia del Colle, Maria Teresa Tracquilio, suo marito e gli amici degli amici, continuano a parcheggiare in maniera selvaggia le proprie auto e soprattutto quelle di servizio.

A noi, invece, non piace la strafottenza, non piace chi ci risponde “Ma io sono il presidente!”, non piace chi non si espone o chi cade dal pero quando si scoprono gli altarini sotto i quali si radunano tutti a pregare. Stamattina, dal Comitato barese della Croce Rossa, è partita una richiesta di spiegazioni al presidente gioiese dell’ente. Speriamo non vada a finire a tarallucci e vino com’è già successo in passato, quando ancora non urlavamo e i fatti contestati (sui quali torneremo) erano molto più gravi.

La pruralità dell’informazione e il modo di farla è l’unico strumento per evitare che chiunque possa pensare  di trasformare la cosa pubblica in cosa sua. Ad onor del vero non abbiamo urlato abbastanza e quindi torniamo sull’argomento riproponendo un paio di fotografie scattate ieri mattina.

Il posto riservato ai mezzi della Croce Rossa è vuoto, mentre il fuoristrada dell’ente è parcheggiato dieci metri più in là, in divieto di sosta e sulla strisce pedonali, così come l’ormai celeberrima Fiat Panda staziona ancora sul posto riservato ai disabili. Vigili e giornalisti dovrebbero bazzicare più spesso la zona dell’ospedale, anche urlando se necessario. I primi, poi, con il blocchetto dei verbali in mano. È vero, il frastuono dà fastisio, ma il silenzio annoia e non ti fa vedere ciò che succede proprio sotto i tuoi occhi.

Abbiamo capito, però, che la Tracquilio le nostre urla non le ha sentite – continuando a fare come le pare. Torneremo presto a trovarla, per ricordarle – dopo due 22 anni da volontaria – quali sono i valori dell’ente che rappresenta. Speriamo di aver avuto sorte migliore con il commissario della Croce Rossa di Bari, Santa Fizzarotti Selvaggi. In quel caso non avremmo gridato invano.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here