Intervenuti per sedare una lite tra madre e figlio, nella serata di ieri, 3 febbraio, i Carabinieri della Sezione Radiomobile e della Stazione Capoluogo della Compagnia di Barletta hanno tratto in arresto un sedicenne per detenzione ai fini di spaccio.
Una volta entrati nell’abitazione, infatti, i militari si sono da subito resi conto del fortissimo
odore di marijuana che proveniva dalla camera da letto del ragazzo. Insospettiti, gli agenti
decidevano di procedere a una perquisizione domiciliare nella cameretta
del minorenne, cercando di capire da dove provenisse tale odore. A seguito di accurato
controllo, i Carabinieri rinvenivano nella disponibilità del giovane, occultate in un
sacco di plastica nascosto nell’armadio, 227 dosi di marijuana per un totale di 250 grammi, nonché 705 euro in contanti suddivisi in banconote di piccolo taglio, verosimilmente provento dell’attività delittuosa di spaccio di sostanze stupefacenti. Il tutto veniva immediatamente posto sotto sequestro dai militari, che procedevano quindi ad accompagnare il giovane presso i propri uffici per poi dichiararlo in arresto. Il minore, espletate le formalità di rito, èstato condotto presso il Centro di Prima Accoglienza presso l’Istituto Penale Minorile N. Fornelli di Bari, a disposizione della competente Autorità Giudiziaria.