Nell’ambito dell’attività di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti, nella giornata di ieri, a Corato, i poliziotti della Sezione Antidroga della Squadra Mobile e della Squadra di P.G. del Commissariato di P.S., hanno dato esecuzione alla misura della custodia cautelare in carcere nei confronti di un noto pregiudicato coratino 24enne. Lo rende noto la Questura con un comunicato.

La misura inasprita è stata emessa dall’Autorità Giudiziaria in sostituzione degli arresti domiciliari, revocati per una serie di violazioni delle prescrizioni connesse proprio alla misura detentiva domiciliare; infatti lo stesso, a seguito di vari controlli di Polizia, non solo è stato sorpreso mentre all’interno della sua abitazione si intratteneva con terze persone non autorizzate, ma si è reso responsabile dell’installazione abusiva di un sistema di videosorveglianza con l’utilizzo di diverse telecamere, alcune abilmente occultate, che riprendevano i dintorni dell’abitazione con il chiaro intento di eludere i controlli delle Forze dell’Ordine. Il giovane è stato associato presso la Casa Circondariale di Trani a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.