foto di repertorio

Un arresto, 2 persone indagate, 313 identificati, di cui 48 stranieri e 33 con precedenti penali, un centinaio di bagagli controllati e 3 segnalati all’Autorità Amministrativa per possesso di sostanze stupefacenti: il bilancio dell’operazione “Alto Impatto”, svoltasi in questi ultimi giorni, che ha visto impegnati gli operatori della Polfer di Bari Centrale, è decisamente importante.

Il Compartimento della Polizia Ferroviaria per Puglia, la Basilicata ed il Molise si è avvalso anche del supporto di unità cinofile antidroga e anti esplosivo della Polizia di Stato, del Reparto Prevenzione Crimine con tecnologie all’avanguardia, in particolare smartphone con lettura ottica dei documenti e metal detector per i controlli ai bagagli sospetti, e della Polizia Scientifica, che ha utilizzato anche l’automezzo “Moving Lab”. Le ispezioni sono state estese anche ai depositi bagagli.

In particolare, per quanto riguarda l’arresto, gli agenti Polfer, su segnalazione di due guardie giurate e di alcuni cittadini, sono saliti a bordo del treno Frecciargento 8326 (Lecce-Bari-Roma), dove nella carrozza n.6 era stato segnalato un uomo in forte stato di agitazione, che infastidiva i viaggiatori. Alla vista dei poliziotti l’uomo ha reagito violentemente, colpendo con un pugno in pieno viso uno degli agenti, mentre una guardia giurata, intervenuta in aiuto, è stata raggiunta da un pugno allo zigomo.

L’aggressore, risultato con precedenti di polizia, è stato bloccato con difficoltà e poi condotto negli uffici del Reparto Operativo, dove è stato arrestato per i reati di resistenza, violenza e lesioni a Pubblico Ufficiale. Per il quarantaseienne, cittadino italiano, originario della provincia di Lecce, si è reso necessari l’intervento del personale del 118. L’agente ferito, trasportato in ospedale, è stato sottoposto ad intervento chirurgico alle ossa nasali.

Nel corso dell’operazione “Alto Impatto” un cittadino nigeriano è stato indagato per il reato di rifiuto delle generalità, mentre un giovane italiano per percosse alla fidanzata. I controlli hanno interessato anche le zone limitrofe alla Stazione Centrale di Bari, quali via Capruzzi, piazza Moro, corso Italia, le Stazioni della Ferrotramviaria S.p.A., delle Ferrovie Appulo Lucane e delle Ferrovie del Sud Est, dove sono state effettuate verifiche e ispezioni nelle sale di attesa, nelle biglietterie, nei sottopassaggi, a bordo dei treni, lungo i marciapiedi di arrivo e partenza dei convogli e negli esercizi commerciali.

print

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here