La donna di mezza età, madre di due figli adulti, si guarda intorno e quando è sicura di non essere osservata lancia dal terzo piano il grosso bustone di immondizia. Siamo a Massafra, in viale Marconi. Peccato per la signora che nelle vicinanze fosse piazzata una delle due pattuglie dedicate al controllo del territorio e al contrasto degli sporcaccioni. Il deprecabile gesto è stato immortalato in un video e diffuso dalla Polizia Locale.

La signora, oltre a una sanzione amministrativa di 600 euro è stata denunciata all’Autorità Giudiziaria. Il contrasto alla sporcizia, che purtroppo deturpa parte del territorio cittadino, è totale. Aumenta il fronte delle amministrazioni non più disposte a tollerare comportamenti inqualificabili, capaci di inquinare l’immagine di un intero paese. Durissimo il commento del comandante della Polizia Locale, Antonio Modugno.

“Episodio di uno squallore unico, che rappresenta la mancanza totale di senso civico e il disprezzo assoluto nei confronti delle più elementari regole del decoro urbano – tuona il comandante -. La Polizia Locale di Massafra vigilerà in maniera sempre più capillare al fine di tutelare la Massafra sana e rispettosa delle regole e della Legge”.

In poco tempo è diventato virale, sollevando non poche polemiche, perché una cosa è diffondere immagini di auto beccate in ogni dove con il volto dei “peccatori” e le targhe nascoste, altro è diffondere elementi che possano far risalire agli autori. Anche su questo il comandante della Polizia Locale è categorico. “Il video rientra nelle competenze totali della Polizia Locale in materia di Polizia Ambientale e Polizia Giudizaria – spiega – quindi tutto regolare e conforme alle normative vigenti in materia. Tutte le regole sono state rispettate. Chiaro che in democrazia ognuno nelle sedi competenti può eventualmente far valere i propri diritti. Sta di fatto che sarà vita dura per i luridi ci Massafra.

print

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here