Foto di repertorio

Oltre a Gaetano Arnesano, il 66enne arrestato per aver costruito un ordigno pronto a essere usato per un attentato, sono stati fermati Anna Olivieri, 47enne di origini abruzzesi, e il 39enne marocchino Braihm Bichou, ritenute responsabili di concorso nella detenzione di materiale esplosivo.

I fatti risalgono al 22 novembre, quando Arnesano era stato sorpreso in sella alla sua bicicletta con 3 chili e mezzo di tritolo infilati sotto la giacca. I due complici, nonché conviventi, dopo l’arresto del 66enne erano pronti a lasciare la città. Nella casa di Arnesano i militari hanno trovato 10 chili di tritolo. Le indagini proseguono per capire quale fosse l’obiettivo dell’attentato dinamitardo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here