“L’esodo continua e, se possibile, peggiora”. La Federazione Lavoratori della Conoscenza della CGIL di Puglia entra a piedi uniti sui dati relativi alla fase C della mobilità della secondaria di I grado. Lo fa attraverso una nota pubblicata online in cui non si risparmiano accuse precise e scenari quasi apocalittici.

“Con buona pace del sarcasmo di Matteo Renzi – si legge – che lo scorso anno polemizzava con Michele Emiliano sulla questione dell’esodo dei docenti pugliesi, a trasferimenti della secondaria di I grado pubblicati possiamo affermare con certezza che si tratta di una vera e propria ecatombe. Se sommati ai fuoriusciti della primaria, il numero dei docenti in esodo sale complessivamente a 1.710 unità confermando puntualmente quanto avevamo sostenuto”.

“Ricordando che i nostri calcoli si basano sulla sigla della provincia di nascita dei docenti di scuola secondaria di I grado – spiegano -, all’interno della tabella della mobilità, siamo in grado di fornire i seguenti dati, certamente suscettibili di modifiche, soprattutto dovute ai numerosi errori già riscontrati nelle operazioni sulle scuole dell’infanzia e primaria”.

Docenti complessivamente in mobilità fuori regione: 839

Docenti che hanno volontariamente scelto altra regione: 128

Docenti che non hanno volontariamente scelto altra regione: 711 (100% dei docenti che hanno partecipato alla fase C dei trasferimenti)

“Solo apparentemente i dati della secondaria di 1° grado sono, in valori assoluti, meno eclatanti rispetto alla scuola primaria – continuano  -, perché al contrario, in termini percentuali sull’organico complessivo dei docenti il dato è inconfutabile nella sua drammaticità. Come sempre, ci attiveremo in tutte le nostre sedi territoriali per venire a capo degli errori che dovessero essere accertati e supportare i docenti che ci confermeranno la loro fiducia, non meritevoli certo di essere trattati alla stregua di meri pacchi postali”.

print

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here