I lavori per la collocazione del primo tratto italiano del Gasdotto TAP inizieranno il 13 maggio. Il punto di approdo del gasdotto in Italia sarà San Foca, Marina di Melendugno, in Provincia di Lecce. In prossimità del litorale italiano, la condotta sottomarina, dopo aver attraversato l’Adriatico, passerà sotto la costa attraverso un microtunnel di approdo dedicato, lungo 1,5 chilometri, che verrà scavato da terra, a circa 700 metri dalla spiaggia nell’interno e uscirà in mare a circa 800 metri, ad una profondità di 25 metri.

I lavori inizieranno come da programma perchè “nessuna comunicazione è pervenuta che possa interrompere o rimandare i lavori” ha dichiarato Michele Mario Elia, il Country manager Italia di TAP.

Nessuno spostamento su Brindisi, nessuna variazione insomma, rispetto a quanto già presentato e approvato dal governo italiano. L’annuncio è stato dato in mattinata, presso un grande albergo barese, opportunamente presidiato da polizia e Digos, temendo forse chissà quale attacco di ambientalisti inferociti, tutt’intorno il traffico già importante dei giorni dedicati al Patrono.

La TAP, insomma, non ha intenzione di spostare di un millimetro il progetto già presentato e approvato da tempo, continuando a garantire la totale sicurezza dell’impianto ed un impatto architetonnico-ambientale pressoché nullo: i campi che saranno attraversati dagli 8 km di tubi fino alla centrale di smistamento, hanno detto, saranno perfettamente coltivabili una volta terminati i lavori.

print

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here