A una settimana dai fatti drammatici accaduti alla Lanterna Azzurra di Corinaldo, dopo il nostro appello a spalancare le porte e mostrare le licenze lanciato ai gestori dei locali baresi, parla la CNA Bari Pubblico Spettacolo, e lo fa in maniera perentoria, sciorinando i nomi degli iscritti e con le carte in regola: “I locali associati a CNA muniti di licenza sono Anche Cinema, Corte di Torre Longa, New Circole di Di Palma, Night&Day, Nylaia, Mulata, Morico Ricevimenti, Nord Wind, Sharivari, 12.03, Villa Rotondo, Villa De Grecis, Villa Romanazzi”.

“Oltre a feste e attività ludiche in luoghi improvvisati e non a norma – afferma Pasquale Dioguardi Presidente CNA Bari Pubblico Spettacolo – per fortuna c’è chi opera nella legalità e nel rispetto delle normative sulla pubblica sicurezza, rispettando cosi il diritto a divertirsi dei giovanissimi e delle loro famiglie ad essere sereni e consapevoli di aver lascito i ragazzi e le ragazze in buone mani. Fate frequentare ai vostri figli solo locali sicuri e in regola con licenze e autorizzazioni, basta informarsi. In città ce ne sono”.

La nota del Presidente di CNA Bari Pubblico Spettacolo, naturalmente, non pone fine al nostro appello, se ci sono altri gestori di locali non associati desiderosi di mostrarci le autorizzazioni, saremo ben lieti di dare loro tutto lo spazio necessario. Non è certo una caccia alle streghe, la nostra, anzi.

“Siamo disponibili come associazione ad aiutare chi vuole mettersi in regola con le normative vigenti – sostiene Antonella Gernone, responsabile Organizzazione CNA Area metropolitana di Bari – mi riferisco ai gestori di tanti locali notturni, sale ricevimenti, per ristorazione, etc. Bisogna rispettare le disposizioni vigenti adeguandosi con autorizzazioni e licenze, per la tutela dei minorenni che sono i maggiori frequentatori di feste e serate danzanti, soprattutto in concomitanza con il Fine anno”.

Tra gli associati a CNA Bari Pubblico Spettacolo, ricordano dall’associazione, ci sono molti locali noti ai più giovani che hanno ottenuto in questi anni le licenze oggetto di attenta e meticolosa disamina da parte della Commissione di vigilanza sui locali di pubblico spettacolo del Comune di Bari, che rilascia le autorizzazioni per spettacoli e ballo a chi dimostra di avere il locale a norma di legge (in base al Testo Unico delle leggi di pubblica sicurezza (T.U.L.P.S.).

“Purtroppo ci sono molti locali che mettono a rischio la pubblica sicurezza – conclude Dioguardi – ma per fortuna ce ne sono tantissimi altri che rispettano e tutelano i tanti ragazzi che li frequentano e le loro famiglie. La CNA è dalla loro parte e annuncia per la prossima primavera una Campagna Informativa nelle scuole superiori baresi per informare i più giovani su come divertirsi in sicurezza, perché solo i locali autorizzati, che rispettano le normative vigenti e in cui lavora personale qualificato possono offrire divertimento e sicurezza a tutti”.

print

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here