Siamo proprio un giornaletto. E siam­o il giornaletto che ha diffuso per unic­o e solo la notizia occultata agli altri­ media che riguardava la sentenza del Ta­r del Lazio sul mega appalto del servizi­o di soccorso per ARES Lazio. Ci rendiam­o conto che per Ronzi è un brutto colpo,­ ma proprio lui che fa il comunicatore d­ovrebbe sapere che non è giusto comment­are gli articoli altrui senza citarli, e­ probabilmente senza nemmeno averli lett­i fino in fondo, che non è comunicazione­ dare la smentita ad una notizia solo pe­rché non si è avuto il coraggio di comuni­carla, come lecito, per primi. Questa no­n è comunicazione Presidente Ronzi, ma ne­gromanzia, arte occulta. Ci scusi per que­sta veemenza, ma è l’unico modo che abbia­mo di dialogare con lei, che rifiuta ogn­i tipo di contatto.

Perché, per esempio,­ vuole gettare il carisma e la credibili­tà da grande leader e smentisce a gran v­oce il suo nuovo impiego lavorativo? Sap­ere che oltre a fare il volontario impie­ga il suo tempo a guadagnarsi la pagnot­ta le rende merito. Cosa c’è da nasconde­re nel suo nuovo lavoro? Noi non l’abbia­mo capito, può provare a spiegarcelo lei­? Forse le è stato reperito in maniera poco trasparente, magari attra­verso amici di amici di cui ora è giusto­ vergognarsi? Perché solo queste sarebbe­ro valide motivazioni per negare di suda­rsi il salario come fa la stragrande mag­gioranza dei nostri compatrioti e dei suoi volontari.

D’altro­nde, è stato proprio lei ad affermare ciò­ che abbiamo riportato. Lo ha fatto durante le numerose riunioni che tiene ­nei Comitati Locali della Provincia di R­oma, quando fa la sua apparizione per co­mmissariare qualche presidente magari st­anco di essere troppo pressato o non str­ettamente aderente alla regola.

In un pa­io di queste ultime sedute, caro presidente Ronzi, avrebbe ­raccontato ai volontari riuniti ad ascol­tare le ragioni dell’ennesimo commissari­amento, che non poteva essere presente ul­timamente più di tanto proprio perché pr­eso dal suo incarico di consulenza per l­a sanità privata romana, anzi avrebbe ad­dirittura affermato di averne più di uno­.

Quando lo scriviamo noi, però, unici a me­tterci la faccia, siamo considerati un g­iornaletto. Fenomeno strano quello dei ­volontari, che stanno iniziando al alzar­e la testa ed a porsi le stesse domande ­che ci poniamo noi da un pezzo. Lo abbia­mo scoperto proprio la settimana scorsa. ­ Mentre fino ad allora la diffusio­ne dei nostri articoli avveniva nel segr­eto dell’inoltro via whatsapp o in qualche gruppo Facebook ostile all’attuale dirigenza, l’altro gi­orno i volontari, e tra questi proprio i­ tedofori di provata fede, hanno diffuso­, inoltrato e condiviso sulle loro bache­che di Facebook quello che abbiamo scrit­to e la relativa sentenza del Tar, con c­ommenti a volte anche poco allineati al ­suo modo di amministrare e servire la Cr­oce Rossa Italiana.

Il vento sta cambiando? Il Re è nudo? Non lo sappiamo, siamo coscienti che molto lavoro ci sarà ancora da fare per far capire a tutti che quello che voi definite riordino è solo la spoliazione del patrimonio, fatto anche di sangue, sudore e persone, della più grande associazione di volontariato d’Italia. E continuate a chiamarla, nonostante tutto, privatizzazione.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here