James Bond arriva a Gravina. Sono iniziati, nella città del grano e del vino, i preparativi per le riprese di B25, il venticinquesimo episodio della famosa serie cinematografica che ha per protagonista l’agente del servizio segreto britannico creato nel 1953 dallo scrittore Ian Fleming. Nel nuovo film, prodotto da Eon Productions per Metro-Goldwyn-Mayer e Universal Pictures, a incarnare l’agente dell’MI6 sarà – per la quinta volta – l’attore Daniel Craig. Nel cast, tra gli altri, anche Rami Malek, Naomie Harris, Lèa Seydoux e Ben Whishaw. Alla regia, invece, Cary Fukunaga, già dietro la camera da presa in Jane Eyre e nella nota serie tv True detective.

In mattinata, a Palazzo di Città, s’è svolto un incontro preliminare di carattere organizzativo legato alle riprese che avranno per sfondo Gravina ed il suo habitat rupestre. Presenti alla riunione il sindaco Alesio Valente, gli uffici comunali interessati, la Polizia Locale, la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la Città Metropolitana di Bari ed i referenti della la Lotus Production srl, la società di produzione che ha legato il suo nome a film di grande successo, quali The Passion, The Avengers 2, Ben Hur, 007 Spectre e che della nuova pellicola – ambientata in mezzo mondo – curerà la produzione esecutiva per tutto ciò che riguarderà l’Italia.

Al centro del confronto, questioni logistiche e procedurali da sbrigare per arrivare pronti all’appuntamento. Per il momento, ancora massima discrezione sui dettagli, ma è ormai certo e – dopo la firma delle relative intese – adesso anche ufficiale: Gravina sarà interessata dalle riprese per due mesi, ad Agosto e Settembre prossimi.

«In una città che negli ultimi anni ha già avuto modo di aprirsi a diverse produzioni nazionali e internazionali, richiamate dal fascino dei luoghi e dal sistema dell’accoglienza», ha commentato Valente «dopo aver di recente ospitato gli ultimi film di Sergio Rubini, Matteo Garrone e Checco Zalone, ci troveremo ora di fronte James Bond. Un ulteriore, prestigioso palcoscenico per Gravina, che avrà modo una volta ancora di essere conosciuta ed apprezzata nel mondo per la sua bellezza e la sua storia. Un’opportunità senza pari, per cogliere la quale siamo al lavoro già da mesi. S’avvicina adesso la fase cruciale e diventa essenziale intensificare gli sforzi perché tutto vada per il meglio».

print

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here