Sabato 16 settembre alle prime luci del giorno, sulla spiaggia di Torre Quetta, anteprima del “Bari Piano festival” con il concerto a ingresso libero di Emanuele Arciuli, pianista barese di fama internazionale, che della rassegna curerà la direzione artistica.

“Un festival – dice Silvio Maselli, assessore alla cultura – che nasce per colmare l’assenza di un festival di pianoforte in una città che ha il secondo conservatorio d’Italia per numero di iscritti, e per omaggiare lo strumento più bello che esista”. L’Assessore e il maestro Arciuli hanno ideato insieme questo evento.

“Ringrazio Silvio Maselli per avermi investito di una responsabilità che insieme mi lusinga e un po’ mi spaventa – ha proseguito Emanuele Arciuli -. Non amo suonare all’aperto perché penso ad una serie di controindicazioni e di variabili che potrebbero incidere sulla qualità dell’acustica e sulla concentrazione del pianista e dello stesso pubblico, ma da un lato Silvio è stato molto convincente, dall’altro il luogo e la bellezza del contesto sono tali da avermi fatto guardare con altri occhi a questa possibilità, fino a convincermi che questo possa diventare il luogo giusto per accogliere concerti di grande qualità”.

Il Bari Piano Festival si svolgerà tra agosto e settembre del 2018 e avrà come location principale Torre Quetta, confermando per i concerti la scelta dell’alba. L’idea è che i concerti abbiano come scenografia il cielo, il mare e il sole che nasce, e il silenzio delle prime luci del giorno possa consentire al pubblico di godere appieno della potenza della musica. Il concerto di sabato prossimo sarà un omaggio alla musica americana del Novecento, legata al minimalismo e al post minimalismo.

Appuntamento per Sabato 16 settembre 2017 dalle ore 6.15 puntuali, sino alle 7, Torre Quetta Beach Bari. In caso di maltempo, l’evento sarà rinviato all’indomani mattina, domenica 17 settembre, sempre alle ore 6.15. A seguire i bar della spiaggia saranno aperti per la colazione.“

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here