In collaborazione con:

Sulla poltrona di Doctor Smart, per rispondere alle domande dei follower selezionate da Mari Lorusso, c’è la dottoressa Elsa Berardi, dirigente medico dell’Unità Operativa di Medicina Interna del Policlinico di Bari, che si occupa di angiologia e diagnostica ultrasonografica. Con lei si è parlato di ecocolordoppler.

“Il sistema cardiovascolare è la nostra carta d’identità– ha detto la dottoressa Berardi – con l’ecocolordoppler valutiamo non solo il flusso nei vasi, ma anche la parete, si tratta quindi di un esame emodinamico. Nella parete delle arterie, per esempio, ne valutiamo l’ispessimento: questo correla un marcatore clinico di patologie come l’ipertensione e il diabete. Dall’ispessimento si passa alla placca, che può essere fibrosa o lipidica, fino ad avere una stenosi, che comporta meno afflusso agli organi, oppure può esserci un’occlusione”.

“Con questo esame – ha spiegato – definiamo dei percorsi, che possono essere diagnostici, terapeutici, possiamo intervenire in modo molto più drastico e aggressivo nella terapia, se vediamo per esempio che il paziente ha una pressione o un diabete non controllati, con la conseguenza che le placche possono portare fino a un danno vascolare importante”.

“Tutti i pazienti che presentano un danno preclinico, quale ipertensione o diabete – ha sottolineato – dovrebbero sottoporsi a ecocolordoppler, anche il paziente dislipidemico dovrebbe farlo, come pure i fumatori, non dobbiamo dimenticare che ci sono tanti fattori di rischio, quali l’obesità e l’età”.

“Con l’ecocolordoppler – ha concluso – possiamo studiare anche le vene varicose, che sono già un dato importante dell’insufficienza venosa cronica, ma oltre alle arterie, andiamo a valutare nelle vene l’occlusione, la trombosi. Con questo esame noi definiamo un timing di terapia e di cura. L’ecodoppler è prescritto dal medico di base, ovviamente ci sono delle priorità legate alla patologia, che possono diventare anche piuttosto urgenti, non si effettua a digiuno, si fa col paziente prima supino e poi in piedi, è assolutamente indolore”.

print

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here