Proseguono le stagioni teatrali pugliesi nei comuni soci del Teatro Pubblico Pugliese. Numerosi gli appuntamenti in programma in tutta la regione. Spettacoli per grandi e piccoli disseminati lungo tutta la regione. Tanti i nomi degli artisti che saliranno sui palcoscenici. Ci sarà il debutto di Nichi Vendola domenica 27 febbraio. E poi Sergio Rubini, Silvio Orlando, Tosca d’Aquino, Rocio Morales e Emy Bergamo, Cristiano Godano e l’unica tappa al sud Italia del tour di Asaf Avidan. Veronica Pivetti, Antonio Catania e Gianluca Ramazzotti con Paola Quattrini. E tanti altri con spettacoli in programma a Foggia, Bari, Bitonto, Melendugno, Conversano, Corato, Putignano, Taranto, Lecce, Barletta, San Severo, Francavilla Fontana, Canosa, Massafra, Mesagne, Castellaneta, Nardò, Novoli, Ostuni, Ceglie Messapica, Ginosa e Aradeo.

FEBBRAIO
Cominciamo dagli spettacoli in programma in questo ultimo fine settimana di febbraio. Sabato 26 febbraio (fuori abbonamento) sul palco del Teatro Piccinni di Bari ci sarà Fabrizio Gifuni con il suo nuovo spettacolo “Con il vostro irridente silenzio”: uno Studio sulle lettere dalla prigionia e sul memoriale di Aldo Moro, di cui è ideatore, drammaturgo e interprete Fabrizio Gifuni che, dopo aver lavorato sui testi pubblici e privati di Carlo Emilio Gadda e Pier Paolo Pasolini, in due spettacoli struggenti e feroci, riannodando una lacerante antibiografia della nazione, attraverso un doloroso e ostinato lavoro di drammaturgia si confronta con lo scritto più scabro e nudo della storia d’Italia.

Prosegue anche per il 26 e 27 febbraio sul palco del Teatro Comunale di Ceglie Messapica (fuori abbonamento) il Teatro delle Ariette con “Trent’anni di Grano – autobiografia di un campo” creato per Matera 2019 e ispirato ai pani del Mediterraneo: un diario della vita quotidiana della trentesima estate vissuta alle Ariette per raccontare il presente con le sue contraddizioni. Trenta spettatori seduti attorno a un grande tavolo basso a forma di U. Gli attori al centro, seduti a terra su un pavimento coperto di chicchi di grano, preparano e cuociono le tigelle leggendo le parole del diario.

Bitonto il 26 febbraio Roberto Ciufoli, Benedicta Boccoli, Simone Colombari e Sarah Biacchi porteranno in scena “Il Test” di Jordi Vallejo, regia di Roberto Ciufoli. Fra battute di spirito al vetriolo e sferzanti dialoghi, i protagonisti vengono spinti a prendere decisioni che nell’arco di una cena cambieranno radicalmente le loro vite, forse per sempre. E sempre a Bitontodomenica 27 febbraio sarà in scena Cristiano Godano per il recupero di “Mi ero perso il cuore – Tour” di e con Cristiano Godano, previsto inizialmente per lo scorso 18 dicembre e poi sospeso. Il cantautore piemontese presenta per la prima volta dal vivo l’album solista (Ala BiancaGroup / Warner Music), forte del successo di critica e il pubblico conquistato con una serie diconcerti in location suggestive in tutta Italia.

E ancora, sempre sabato 26 febbraio a Canosa ci sarà la compagnia Malalingua in “Il colloquio. The assessment” di Marco Grossi uno spettacolo che, attraverso lo strumento del paradosso in un testo dal ritmo serrato sostenuto dall’affiatata squadra di attori, racconta un fenomeno reale degenerativo che attraversa le dinamiche sociali proprie del mondo del lavoro: l’aumento della competitività come elemento propulsore di alterazioni emotive e comportamentali.

Lecce il 26 febbraio al Teatro Paisiello è in programma “Lucifero” di Chiara Guarducci con Fabio Rubino regia di Paolo Biribò. Lucifero – drammaturgia poetica, dai toni crudi e surreali – esprime, attraverso questo archetipo, la condizione di un’anima fragile ed eccedente, che si sfalda in un continuo passaggio tra onnipotenza e impotenza, preghiera e bestemmia, un ottovolante di opposti stati interiori, specchio del nostro ‘troppo umano’.

Corato sarà la compagnia AltraDanza a salire sul palco con “Mozartangosuite” con le coreografie di Domenico Iannone: il traguardo e l’inizio di una nuova generazione, metro di misura di studi della danza che dopo anni di complesse e difficili interpretazioni di introspettivi sentimenti, ritorna e propone la bellezza di un balletto. Anche qui, alle 18.00 il coreografo Domenico Iannone incontrerà il pubblico.

Sempre il 26 febbraio a Putignano al Teatro Comunale la Dogma Theatre Company porterà invece in scena due titoli fuori abbonamento nella stessa serata, entrambi con la regia di Gabriele Colferai: “Due Segreti“ dove si racconta la storia di due giovani aduli che dopo una lunga storia durata un decennio, decidono di separarsi e di proseguire autonomamente con le loro vite, guidati in direzioni polarmente opposte dalle proprie caratteristiche e dalle proprie priorità; e Norway.Today, che invece è la storia dell’incontro di due giovani, Julie e August, che si incontrano in chat e decidono di andarsi ad uccidere insieme buttandosi da un dirupo in Norvegia. Il tema del suicidio giovanile è trattato dall’autore con leggerezza, lasciando però spazio anche a momenti di fragilità e vuoto dei due protagonisti che cercano di convincere l’altro e se stessi della bontà del loro gesto.

E ancora, il 26 febbraio a Bisceglie al Teatro Curci spazio alla musica con la National Chamber Orchestra “Kiev Soloist” con il concerto di Francesco Di Rosa (oboe), attualmente primo oboe solista nell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia dal titolo “Da Albinoni a Nino Rota” inserito nella 38esima stagione concertistica Associazione Cultura e Musica G. Curci.

Il 26 inizia anche il tour pugliese di “Fiori d’acciaio”. Tosca d’Aquino, Rocio Morales e Emy Bergamo terranno compagnia al pubblico con “Fiori d’acciaio”, uno dei romanzi di formazione che hanno accompagnato la mia prima giovinezza, insieme a Piccole donne, Harry ti presento Sally e Colazione da Tiffany: storie di donne, grandi figure femminili che crescono, sbagliano, si confrontano, amano, odiano, combattono e qualche volta muoiono. Lo spettacolo sarà a San Severo (Teatro Verdi) il 26 febbraio per poi spostarsi a Melendugno il 27 febbraio (Teatro Nuovo Cinema Paradiso) e a Conversano (Cinema Teatro Norba) il 28 febbraio.

Il 27 febbraio a Bari il Teatro Piccinni ospiterà l’ultimo appuntamento del progetto “Il Teatro dei Sogni” con in scena Nichi Vendola al suo debutto in “Quanto resta della notte”: otto capitoli poetici accompagnati e vestiti dalle musiche prodotte da Popoulous e dai video di Mario Amura. Parole, versi e suoni in cerca di un giorno nuovo. Un progetto in cui libri, musica e teatro si incontrano in un confronto tra sguardi e linguaggi. È uno spettacolo al debutto, con l’amichevole collaborazione del regista Walter Malosti, per un Nichi Vendola come non lo abbiamo mai visto.

MARZO
Dall’1 marzo inizia il tour di Sergio Rubini in Puglia protagonista di “Ristrutturazione, ovvero disavventure casalinghe raccontate da Sergio Rubini”, che racconta in forma confidenziale le vicissitudini legate alla ristrutturazione di un appartamento: un viavai di architetti e ingegneri, allarmisti e idraulici, operai e condòmini che si avvicendano nella vita di uno sfortunato padrone di casa stravolgendo senza pietà. Lo spettacolo sarà prima a Foggia (Teatro Giordano, 1 e 2 marzo). Qui Sergio Rubini e la compagnia incontreranno il pubblico il 2 marzo alle 18.30 nella Sala Fedora del Teatro Giordano prima dello spettacolo. Lo spettacolo sarà moderato dal giornalista Enrico Ciccarelli. Subito dopo lo spettacolo sarà in scena a Bari (Teatro Piccinni, dal 3 al 6 marzo). E poi ancora a Gioia del Colle (8 marzo), Lecce (9 marzo), Ostuni (10 marzo), Ginosa (11 marzo) e Bisceglie (12 marzo).

Altro grande nome che arriva in Puglia a marzo è quello Silvio Orlando protagonista di “La vita davanti a sé, dal romanzo di Romain Gary pubblicato nel 1975 e adattato per il cinema nel 1977 ancora oggi attualissimo, che racconta vite sgangherate che vanno alla rovescia, ma anche un’improbabile storia di amore toccata dalla grazia. Lo spettacolo sarà a Taranto (Teatro Comunale Fusco, 1 marzo e 2 marzo), Lecce (Teatro Apollo, 3 marzo) e Barletta (Teatro Curci, dal 4 al 6 marzo). E infine a Putignano (9 marzo).

Il 3 marzo inizia da Francavilla Fontana (Teatro Italia) il micro tour di “Stanno sparando sulla nostra canzone” con Veronica Pivetti. A Francavilla lo spettacolo sostituirà “La macchina della felicità” inizialmente inserito nel cartellone per il 26 marzo e che invece non potrà avere luogo. Lo spettacolo con la Pivetti sarà anche a Canosa il 4 marzo (Teatro Raffaele Lembo) dove nel pomeriggio, alle 17, nel Teatro Comunale Lembo Irene Pivetti e la compagnia incontreranno gli studenti nell’ambito dell’iniziativa Premia la Cultura. Una sensuale e spiritosa Veronica Pivetti interpreta Jenny Talento, fioraia di facciata ma in realtà venditrice di oppio by night che, rapita dalla passione per un giocatore di poker fallito e truffaldino, si lascerà trascinare in un mondo perduto fatto di malavita, sesso, amore e gelosia in Stanno sparando sulla nostra canzone con la regia di Giovanna Gra e Walter Mramor. Uno spettacolo incalzante dalle atmosfere retrò, travolte e stravolte da un allestimento urban, illuminato da insegne colorate e intermittenti fra occhiali scuri, calze a rete, mitra e canzoni. E dall’esplosiva esuberanza di un mondo risorto alla vita.

Il 3 marzo in scena al Teatro Verdi di San Severo Antonio Catania e Gianluca Ramazzotti con Paola Quattrini in “Se devi dire una bugia dilla grossa” due atti di Ray Cooney cavallo di battaglia della Ditta Dorelli, Quattrini, Guida in scena la prima volta nel 1986 e oggi presentato in una versione rinfrescata e attualizzata da Iaia Fiastri con un cast eccellente e la partecipazione di Paola Barale.

Il 3 marzo Factory Compagnia Transadriatica porterà a Massafra (Teatro Spadaro) La bisbetica domata di William Shakespeare, regia di Tonio De Nitto, con cui Factory ritorna ad affrontare Shakespeare dopo le felici prove del Sogno e di Romeo e Giulietta, insistendo ancora una volta su una lettura corale e visionaria dove la musica e la rima concorrono a restituirci una sorta di opera buffa, caustica e comicamente nera. Il 4 marzo lo spettacolo sarà in scena a Mesagne (Teatro Comunale).

Il 4 marzo Taranto ospiterà l’unica tappa nel Sud Italia di Asaf Avidan con il suo “Anagnorisis Tour (Teatro Fusco).

E ancora, il 4 marzo inizia la stagione di prosa di Ostuni ospitata nel ristrutturato Palazzo Roma. Qui in scena ci sarà Sebastiano Somma che firma anche la regia di “Lucio incontra Lucio. La vita…la storia e le canzoni di Lucio Dalla e Lucio Battisti”: uno spettacolo che prova a figurare quell’incontro artistico mai avvenuto, anche se solo immaginario, raccontando attraverso le loro canzoni uno spaccato musicale che parte dagli anni ’60 per arrivare ai nostri giorni.

Sabato 5 marzo a Ginosa (Teatro Alcanices) ci sarà l’Orchestra Ico Magna Grecia e Antonello Fiamma con “Guitar Landscape” diretto da Marco Vlasak: un concerto che presenta straordinarie suggestioni ed emozioni.  A Castellaneta, invece, Corrado Tedeschi e Martina Colombari, per la prima volta sul palco come attrice, saranno in scena con “Montagne russe” (Cinema Teatro Valentino) uno dei testi più riusciti di Eric Assous (vincitore di due prix Molière) per la regia di Marco Rampoldi. Una commedia divertente, sorprendente e al tempo stesso intensamente commovente. Lo spettacolo sarà subito dopo a Nardò domenica 6 marzo al Teatro Comunale. Sempre sabato 5 marzo ad Aradeo, invece, andrà in scena “Salvo Gaber” di e con Salvatore Cosentino (Teatro Comunale Domenico Modugno) l’attore – magistrato che in questo spettacolo, liberamente tratto dai testi di Giorgio Gaber, si cimenta nel teatro-canzone di Gaber riesumando brani non molto conosciuti che proprio per questo sorprenderanno per la loro bellezza e originalità. Al termine dello spettacolo, come di consueto l’artista incontrerà il pubblico presente in sala. A Ceglie Messapica (Teatro Comunale) in scena “Il fantasma di Canterville” di e con Angela De Gaetano che, in una bellissima prova d’attrice guidata dalla regia di Tonio De Nitto, dà vita ad una storia di humor e suspance e, fedele alla trama di Wilde, ci offre un horror teatrale dalle atmosfere gotiche, un mosaico di paesaggi sinistri e personaggi non meno inquietanti che, nel connubio con le musiche originali di Paolo Coletta e le scene essenziali di Porziana Catalano, compongono un grande spettacolo corale.

TEATRO PER FAMIGLIE
Domenica 27 febbraio a Barletta (Teatro Curci ore 18.30) andrà in scena “Nel castello di Barbablù” di Kuziba Teatro con regia e drammaturgia di Raffaella Giancipoli: un viaggio avventuroso dentro ciò che non conosciamo ancora di noi e del mondo che ci circonda, è un percorso dentro la curiosità che ci permette di sfidare le nostre paure e che ci racconta di come a volte la disobbedienza può essere un passaggio importante per diventare grandi.

Sempre domenica 27 febbraio a Nardò (Teatro Comunale ore 17.30) invece ci sarà “Storia di Bella” di Giambattista Basile per Teatro Le Forche con la regia di Giancarlo Luce. Liberamente ispirato alla storia “La Penta mano-mozza” de “Lu Cunto De Li Cunti” di Basile, questa fiaba insegna a credere in sé stessi, nei propri principi, senza lasciarsi traviare; a ritenere la libertà il valore più alto dell’umanità, anche se a volte può costare caro. E ancora, domenica 27 febbraio a Corato (Teatro Comunale ore 18) ci sarà “Voglio la luna” dell’associazione Teatro Giovani Teatro Pirata, ideazione e regia di Simone Guerro. La storia è accompagnata dalla narrazione, dalla musica dal vivo e da scene di teatro di figura con pupazzi e ombre. In occasione dello spettacolo sempre domenica 27 febbraio la compagnia Teatri dei Pirata incontrerà il pubblico alle 11.30 al Teatro Comunale di Corato. L’incontro è a cura di Gocce nell’oceano Onlus e Ecoteca Lab.

Domenica 6 marzo spazio anche al teatro per famiglie. A Foggia (Teatro Giordano, ore 18.30) andrà in scena lo spettacolo “Un’improbabile storia d’amore” di Theatre De Gart con Dandy Danno e Diva G: riginale, fuori da ogni contesto teatrale classico, è un ‘occasione per vedere il teatro fatto in maniera diversa con un gusto un po’ retrò, ma contaminante. Il messaggio è uno: vivere amando intensamente; a Putignano (Teatro Comunale, ore 18) invece ci sarà “La storia di Hansel e Gretel” di Crest con scene, luci e regia di Michelangelo Campanale, spettacolo vincitore premio “L’uccellino azzurro” – Festival di teatro ragazzi “Ti fiabo e ti racconto” di Molfetta (edizione 2009 ed edizione speciale 2015). A Galatone (Teatro Comunale, ore 17.30) ci sarà Flavio Albanese con “Le avventure di Pinocchio” della Compagnia del Sole. Sulle note della celebre musica che Fiorenzo Carpi scrisse per il film-TV di Comencini, tra prosa e filastrocche, racconti, canzoni, arie e recitativi, lo spettacolo ripercorre le principali vicende che hanno portato un semplice “ciocco” di legno a diventare un bambino. E ancora, sempre domenica 6 marzo a Bitonto (Teatro Traetta, ore 18) andrà in scena “Jack e il fagiolo magico” della compagnia La luna nel letto. Ispirato ad una fiaba della tradizione orale inglese – la prima pubblicazione apparve nel libro The History of Jack and the Bean-Stalk, stampato da Benjamin Tabard nel 1807 – lo spettacolo racconta la storia di un bambino che pur essendo piccolo riesce a trovare il lieto fine alle sue disavventure, guidato dal suo istinto, dalla sua fiducia nella vita e dalla sua intelligenza. E infine a Novoli (Teatro Comunale, ore 17.30) è in programmazione “Farfalle” di e con Otto Marco Mercante per la regia di Tonio De Nitto per la compagnia Principio Attivo Teatro. Vincitore del premio N Uovi 2021, è uno spettacolo composto da tre fiabe che hanno come tema principale la trasformazione e che usano la farfalla come metafora del mutamento. Prima e dopo lo spettacolo a Palazzo Baronale sono previsti anche i Laboratori della domenica di BlaBlaBla (ore 16.30 e ore 18.30). Info: www.teatropubblicopugliese.it