Formarsi partendo dalla scenografia e approfondirne ogni aspetto, dall’utilizzo dei materiali al graphic design fino all’illuminotecnica, giungendo a esiti creativi quasi inaspettati. É una ricerca tutta in divenire e fatta di metamorfosi, la sperimentazione condotta da Alessio Costantini, artista romano di cui la galleria 206 espone in anteprima assoluta la sua recente produzione inedita, realizzata non più di tre mesi fa.

Trattasi dell’ultima parte di un percorso che l’artista porta avanti dagli anni ’90 cimentandosi in “esplorazioni cromatiche” che attingevano dalla gestualità dell’action painting e del dripping. In seguito saranno l’astrattismo e l’informale più puro a contaminare lo stile di Uopi che dal 2007 inizia a “prendere piede” con il suo attuale nome d’arte che identifica, attraverso il singolare logo, l’associazione che compie tra viaggio fisico e mentale.

L’Uomo-Piede è un essere mitologico e surreale che riassume anche graficamente questo progetto, combinando un piede e un occhio efficacemente stilizzati. Un concept da cui prendono forma personaggi antropomorfi, mescolando umano e fitomorfo in superfici scolpite da luce colorata. Disegnate su lastre di plexiglass retroilluminate e disposte sulla parete, le opere esposte compongono quasi un circuito luminoso, creato con sagome che assomigliano a cellule cromatiche, ognuna dotata del suo occhio ciclopico, curioso e magnetico.

Sono tutti esseri che esprimono una certa predilezione che l’artista ha sempre avuto per le creature dell’epica classica, da Polifemo a Giano. Costantini le ripropone nelle sue maschere speculari e simmetriche in cui si colgono citazioni visive riconducibili a Matisse, come pure al primitivismo più selvaggio di Basquiat e Picasso. Ma resta la scenografia a condizionarne l’evoluzione verso nuove prospettive, pur sempre luminose, sintetizzate nelle sue creazioni più funzionali e ambiziose, che strizzano l’occhio al design e alla Pop Art.

Ingresso libero

Fino al 9 dicembre
V. Dei Mille, 206
Orari

Dal giovedì alla domenica
Dalle 17.00 alle 22.00

print

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here