“Galeotta fu l’intervista al Quotidiano Italiano”. Il vicesindaco di Triggiano, Daniele Volpe, è stato sollevato dal suo incarico, come si legge nel decreto firmato dal primo cittadino Donatelli.

Volpe, ex vicesindaco con delega alla Protezione Civile, aveva difeso a gran voce l’operato di Gaetano, il soccorritore impegnato nella gestione delle operazioni all’interno dell’hub ricavato nel Palazzetto dello Sport ed estromesso dopo la denuncia sui “furbetti del vaccino” di Triggiano.

“Considerato che tra l’amministrazione comunale e l’assessore Volpe sono emerse divergenze politiche inconciliabili, dato atto che tali divergenze hanno determinato il venir meno del rapporto di fiducia in merito all’idoneità del nominato Assessore a perseguire gli obiettivi amministrativi fissati nel programma di mandato, considerato che le suddette motivazioni legittimano pienamente la volontà del Sindaco di far cessare la vigenza dell’atto di nomina dell’Assessore con una revoca espressa, precisato che il venir meno della fiducia sulla idoneità del nominato a rappresentare gli indirizzi del Sindaco delegante non è da intendersi sanzionatorio, si decreta di revocare la nomina ad assessore comunale del Sig. Daniele Volpe dando atto che la revoca comporta la contestuale revoca della nomina di assessore sia di tutte le deleghe attribuite, nonché della funzione di Vice Sindaco”, si legge nel decreto.

La revoca ha “efficacia immediata”, in attesa della nomina di un nuovo assessore, “le attività politico amministrative inerenti alle deleghe fanno capo al Sindaco”.