La scorsa settimana, nella stazione ferroviaria centrale di Bari, gli agenti della Polizia Ferroviaria hanno indagato 5 persone, controllato 3.882 e soccorso 2 uomini in difficoltà. Il tutto è avvenuto tra la stazione e il bordo treni, lo rende noto un comunicato giunto in redazione

La Polfer ha denunciato all’Autorità Giudiziaria cinque persone, di cui una per atti persecutori in danno dell’ex convivente, tre per inottemperanza all’ordine del Questore a lasciare il territorio nazionale ed una per rifiuto di fornire le proprie generalità a Pubblico Ufficiale.

Inoltre, due cittadini stranieri in difficoltà sono stati soccorsi dai poliziotti. Il primo era un sedicenne afgano, che colto da un malore ha chiesto aiuto agli agenti. Il ragazzo è stato visitato dal personale sanitario del 118. In seguito è stato ricoverato al Policlinico per sospetta frattura del bacino. L’episodio è stato segnalato al Tribunale per i Minorenni e sono stati interessati i Servizi Sociali del Comune per la presa in carico del minore straniero.

Il secondo, un 36enne di origini pakistane, psicolabile. L’uomo è stato soccorso dagli agenti della Polizia Ferroviaria mentre in preda ad una crisi, si denudava in stazione.  Il pakistano era in forte stato di agitazione e anche per lui è stato necessario l’intervento degli operatori del Servizio Sanitario. L’uomo è stato ricoverato incolume presso il Policlinico di Bari.