Con il passare delle ore emergono nuovi particolari sul tremendo schianto che ha coinvolto due auto sul ponte della provinciale Adelfia-Sannicandro. Le due persone morte sono Giuseppe Massarelli e Tommaso Verna, entrambi 44enne di Casamassima. Uno dei due prima di morire avrebbe fatto in tempo solo a chiedere aiuto. L’altro è morto sul colpo.

Miracolosamente vivo il terzo passeggero dell’Audi station wagon grigia, che un testimone ha detto di aver visto sfrecciare a forte velocità poco prima dello schianto. Nonostante il volo, il passeggero se la sarebbe cavata con alcune ferite e varie fratture. Seppure in gravi condizioni non sarebbe in pericolo di vita. Non sarebbe in pericolo di vita neppure il conducente della Fiat Punto contro cui si è scontrata l’auto spezzatasi in due nell’impatto violentissimo. Si tratta di un uomo originario Sannicandro.

Le indagini sull’accaduto, le cui dinamiche sono in corso di accertamento, sono affidate alla Polizia Locale di Adelfia, sul cui territorio è avvenuto il dramma. Sul posto anche i carabinieri oltre ai soccorritori del 118 e i vigili del fuoco, che hanno dovuto lavorare non poco per liberare gli occupanti rimasti intrappolati nelle lamiere.

Secondo una prima ricostruzione, emersa sul luogo della tragedia, pare che i tre fossero operai edili di ritorno a casa da Palo del Colle. Dopo la fatidica curva della provinciale, mentre percorrevano la strada in direzione di Adelfia, si sarebbero scontrati con la Punto intenta a svoltare in una strada secondaria.