La Corte di Appello di Bari ha assolto “per non aver commesso il fatto” Domenico Conte, boss di Bitonto, e il pregiudicato Danilo Gentile, imputati di aver ferito nel marzo 2018 una donna di 29 anni, colpita per sbaglio durante una sparatoria nell’ambito della guerra in corso tra clan rivali per il controllo dei traffici illeciti in città.

Conte era ritenuto il mandante e Gentile l’esecutore materiale, i due erano stati condannati in primo grado con il rito abbreviato, rispettivamente a 6 anni e a 4 anni e 8 mesi di reclusione.

Per entrambi è scattata l’immediata scarcerazione ma, mentre Gentile è tornato in libertà, Conte resta detenuto perché nei sui confronti pende un’altra condanna a 20 anni di reclusione come mandante dell’agguato del 30 dicembre 2017 in cui rimase uccisa l’83enne Anna Rosa Tarantino. Le motivazioni della sentenza di assoluzione si conosceranno tra 90 giorni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here