Se un agente della Polizia Locale non avesse preso la situazione in mano, decidendo prestare il primo soccorso, un bimbo di 5 anni avrebbe rischiato di morire soffocato dalla sua stessa lingua. La vicenda è accaduta questa mattina intorno alle 10 ad Altamura, nel Barese.

Una pattuglia della Polizia Locale transitava per caso in via Maggio, quando ha visto una donna con il suo bambino in braccio in evidente difficoltà. La donna, che aveva già chiesto l’intervento dei soccorritori del 118, chiedeva aiuto. Gli agenti si sono fermati, rendendosi subito conto della gravità della situazione. Il bimbo stava probabilmente avendo una crisi epilettica e aveva già la lingua attorcigliata, presentando evidenti difficoltà respiratorie. Nonostante aver sollecitato l’intervento del 118, l’ambulanza continuava a non arrivare e così uno degli agenti ha prestato il primo soccorso.

Subito dopo il piccolo è stato fatto salire nell’auto con mamma e papà. Scortata da due pattuglie della Polizia Locale, l’auto è arrivata al pronto soccorso dell’ospedale Perinei, dove i medici hanno soccorso il bimbo, successivamente ricoverato per eseguire tutti gli accertamenti del caso.

“In questi mesi ne sono state dette tante contro la Polizia Locale di Altamura – spiega il comandante del Corpo Michele Maiullari -, ma quando poi succedono episodi del genere non posso che dire a tutta la comunità di essere fieri della nostra Polizia Locale”. Auguriamo al piccolo una pronto guarigione e complimentandoci con i due agenti non possiamo che evidenziare ancora una volta le difficoltà attraversate in questo particolare momento storico dal servizio di emergenza-urgenza Barese, costretto a coprire i turni alla rinfusa per via della contemporanea positività al covid di numerosi operatori della centrale operativa.

Un’occasione in più per segnalare la necessità di interpellare il 118 solo se davvero si tratta di un’emergenza. In caso contrario potrebbe succedere ciò che è accaduto oggi ad Altamura. Non sempre, però, può essere presente qualcuno capace di risolvere diversamente criticità come questa.