Qualche giorno fa il 118 è intervenuto per soccorrere un’anziana, costretta a letto da tempo per via di diverse patologie. Quando sono arrivati, i membri dell’equipaggio hanno riscontrato, tra le altre cose, febbre e difficoltà respiratorie, sintomi che hanno fatto subito pensare al covid nonostante la restrizione tra le mura domestiche da tempo.

L’anziana, a quanto pare, viveva con la famiglia di uno dei figli, tra cui una persona risultata positiva al coronavirus. Per lei si è reso necessario il trasporto in ospedale, che in questi giorni di grande emergenza scarseggiano di posti letto, sia le strutture in fase di conversione a covid hospital che le altre, non ancora direttamente interessate, per quanto possibile, dalla pandemia.

Una volta al Pronto Soccorso, è iniziata l’attesa per poter sbarellare la donna, che però in quei frangenti è andata in arresto cardiaco e non ce l’ha fatta. Con le restrizioni in atto a causa dell’emergenza sanitaria, per l’anziana signora non potrà esserci nemmeno l’ultimo saluto dei familiari prima di essere chiusa nella bara.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here