Disgraziata fu l’uscita a cena presso la pizzeria “La Soddisfazione” di Bari, chiusa per la positività di due dipendenti. Una comitiva di amici adelfiesi, tutti trentenni,di circa 30 anni, è andata nel locale a fine settembre. Tra i commensali c’era anche la maestra della scuola di danza flash dance di Adelfia, chiusa dopo la sanificazione e tutti gli accertamenti del caso, proprio per la positività della maestra.

Di quella comitiva sono risultati positivi in sette, portando formalmente a 19 i casi ad Adelfia. Diverse le persone in quarantena o isolamento fiduciario in attesa di un tampone, che i componenti della comitiva avrebbero fatto a pagamento fuori regione perché non ritenuti a rischio immediato dal Dipartimento di Prevenzione della Asl di Bari.

Al momento si sa che il contatto stretto di uno dei commensali della cena di fine settembre è ricoverato in ospedale in gravi condizioni. È importante precisare che si tratta di un uomo con precedenti patologie. C’è molta apprensione per l’esito dei tamponi a cui man mano si stanno sottoponendo i contatti stretti dei partecipanti a quella cena.

Così come si aspetta l’esito del tampone a cui sono stati sottoposti i figli in età scolare del commerciante adelfiese positivo. Un risultato che potrebbe causare – come detto stamattina – la chiusura per sanificazione del plesso scolastico frequentato dai bambini. Notizie rassicuranti, invece, per i genitori che hanno bimbi che frequentano la scuola materna “Munari”. Il piccolo e i suoi familiari, in isolamento per avere avuto contatti con un altro focolaio, sono risultati tutti negativi al coronavirus.

“Siamo a conoscenza del nuovo focolaio – spiega il sindaco di Adelfia, Giuseppe Cosola – e stiamo seguendo la situazione in stretto contatto con la Asl. Si sta procedendo alla mappatura dei contatti stretti, in modo da provvedere a tutte le misure previste dai protocolli sanitari. Non escludiamo che i casi potrebbero ulteriormente aumentare, ma questo non deve creare apprensione. Al contrario dovrebbe aumentare in tutti noi il senso di responsabilità per limitare il più possibile altri contagi”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here