“Abbiamo affidato nostra madre anziana a una clinica per una operazione all’anca, ed era negativa, ce l’hanno riconsegnata dopo un mese positiva e non ha neanche completato il percorso di riabilitazione. Questa è la nostra sanità”. Piero, dal balcone di casa sua, racconta una vicenda che mischia gli elementi del drammatico, dell’assurdo, della casualità, se vogliamo, e dalla causalità.

Piero si trova in isolamento fiduciario volontario a casa sua, dopo aver fatto traslocare moglie e figlia, perché è stato a stretto contatta con la madre quando è stata dimessa dalla clinica Mater Dei. Entrata negativa per l’operazione, come da esito del tampone eseguito il 6 settembre, fornito dallo stesso ospedale, l’anziana è stata ricoverata nel reparto di riabilitazione della Mater Dei, la stessa unità operativa dove si sono verificati 17 casi di coronavirus, cui si aggiungono i due nuovi contagi nel blocco operatorio di cui si è avuta notizia oggi.

“Dopo un po’ la compagna di stanza di mia madre ha iniziato a stare male – racconta Piero – ma dalla Mater Dei dicevano che poteva anche essere solo febbre. Un giorno a telefono mi madre ha raccontato che stavano sottoponendo la donna ad accertamenti, fino a quando le hanno separate perché la paziente è risultata positiva”.

“Qualche giorno fa, il 7 settembre, mia madre è stata dimessa con esito negativo, siamo andati a prenderla e l’abbiamo portata a casa, dove è stata con mio padre, anziano anche lui, mio fratello e mia sorella. Dopo un paio d’ore, subito prima che prendessi servizio sul posto di lavoro dove sono a contatto con molta gente, ci hanno chiamato dalla Mater Dei per dire che avevano invertito gli esiti dei tamponi di ingresso e uscita, in pratica mia madre è positiva”.

“Ora siamo tutti in isolamento senza che nessuno dalla Asl o dalla Mater Dei si sia fatto avanti, ho scritto due mail al direttore del Dipartimento di Prevenzione, il dottor Domenico Lagravinese, ma non ho mai ricevuto risposta”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here