La Corte di Appello di Bari ha ridotto a 2 anni e 10 mesi di reclusione e 1.500 euro di multa, dai 7 anni e 10 mesi inflitti in primo grado, la condanna nei confronti di Gianpaolo Tarantini, l’imprenditore barese imputato di aver portato tra il 2008 e il 2009 escort nelle residenze dell’allora presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi.

I giudici hanno dichiarato la prescrizione di 14 delle 24 imputazioni contestate a Tarantini, confermando la penale responsabilità per dieci episodi di reclutamento e favoreggiamento della prostituzione.

Riconosciute, a differenza della sentenza di primo grado del Tribunale di Bari, le circostanze attenuanti generiche, equivalenti alla contestata aggravante delle più donne reclutate.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here