Ieri sera, al molo San Nicola, la Polizia Locale di Bari ha arrestato un parcheggiatore abusivo violento. Si tratta di un cittadino risultato poi di nazionalità marocchina di 33 anni.

Una pattuglia del Nucleo di polizia giudiziaria del Corpo P.L. di Bari era presenta in zona per i controlli relativi ai parcheggiatori abusivi nella zona Umbertina, alla quale non è sfuggita la scena di un uomo che verso le 21,40 avvicinandosi ad una donna appena scesa da una vettura che aveva parcheggiato sul Molo San Nicola, con il pugno chiuso, ha preteso il solito obolo che la stessa ha consegnato sicuramente intimorita dal gesto.

Prontamente il soggetto è stato fermato per la identificazione necessaria altresì per la successiva verbalizzazione, ma lo stesso reagiva con sputi, pugni e calci verso i 2 agenti che riuscivano ad immobilizzare l’uomo ed accompagnarlo presso gli Uffici del Comando per gli accertamenti e gli adempimenti consequenziali.

Sia durante il tragitto verso il Comando che presso gli stessi uffici il soggetto fermato continuava a reagire violentemente contro gli agenti intervenuti supportati nel frattempo da altra pattuglia della Polizia Locale giunta in ausilio.

Il soggetto sottoposto a fotosegnalamento risultava con numerosi “alias”, con una condanna alla reclusione da eseguire con residuo di pena di 7 mesi e 27 giorni e numerosi precedenti penali a carico. Risultava altresì in possesso di un taglierino con la lama attiva e un coltello multiuso, entrambi occultati in tasca.

È stato arrestato e tradotto presso il carcere mandamentale a disposizione dell’Autorità giudiziaria per rispondere dei reati di violenza, minaccia e resistenza a pubblici Ufficiali oltre che porto abusivo di armi improprie senza giustificato motivo.

È stato anche verbalizzato per l’attività di parcheggiatore abusivo e notificato Ordine di Allontanamento dal Molo. Unica nota stonata: nessuno dei cittadini taglieggiati per il parcheggio del veicolo in zona ha sporto denuncia presso la Polizia Locale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here