La Corte di Appello di Bari ha confermato le 8 condanne nei confronti di affiliati al clan Strisciuglio, ritenuti responsabili di estorsione aggravata, tentata estorsione e minaccia in concorso.

La vittima è un imprenditore edile del quartiere Libertà che denunciò le richieste estorsive del clan. I pregiudicati avrebbero chiesto “un caffè per Vituccio”, cioè per il capo clan Vito Valentino, e “4 o 5 mila euro per trascorrere un buon Natale”.

Richiesta anche l’auto aziendale, una Range Rover, e 100 mila euro. “Mi devi dare le chiavi della macchina tua e 100 mila euro, se no vi sparo a tutti quanti, qua comandiamo noi al quartiere Libertà, se no adesso ti faccio scrivere nome e cognome sulle lapidi”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here