Solidarietà e supporto concreto verso la Regione Puglia e gli ospedali impegnati nell’emergenza Covid-19. In parallelo con la campagna di donazioni regionale “Eccomi Puglia”, che ha già superato i 2 milioni di euro e per cui si può continuare a donare con bonifico sul conto corrente bancario – IBAN: IT51 C030 69040131 0000 0046 029 oppure con carta di credito, sono diverse le iniziative benefiche riguardanti le strutture sanitarie della ASL Bari, dove sono arrivati o in arrivo dispositivi di protezione, risorse economiche e strumentazioni mediche a sostegno dell’attività sanitaria. La generosità si manifesta in forme e protagonisti diversi, singoli cittadini, realtà associative o imprese del territorio.

“Ogni singolo gesto è prezioso – fanno sapere dalla Direzione Generale ASL Bari – grande o piccolo, è un segno di vicinanza e attenzione per gli operatori sanitari e per il loro lavoro quotidiano, una preziosa testimonianza del fortissimo legame tra le comunità e la Sanità pubblica che oggi, alla luce di quanto sta accadendo, acquista un valore ancora più alto. E di ciò, assieme ai tangibili atti di liberalità, non si può che esserne grati”.

Ad Altamura mascherine e fondi per attrezzature sanitarie
L’Ospedale “Fabio Perinei” di Altamura ha ricevuto una donazione di 100mila euro da parte dell’Istituto di credito Banca Popolare di Puglia e Basilicata. La somma sarà destinata all’acquisto di tre apparecchiature necessarie per gestire l’emergenza epidemiologica da COVID-19. Si tratta nel dettaglio di un video laringoscopio per intubazioni standard e difficili, di un apparecchio radiologico portatile digitale e infine di due umidificatori con generatore ad alti flussi, necessari per il trattamento della insufficienza respiratoria, anche secondaria al COVID 19.

Il video laringoscopio è indicato dalle Linee guida come strumentazione fondamentale per la gestione del paziente affetto da insufficienza respiratoria, in attesa di intubazione. L’apparecchio radiologico portatile è invece necessario per eseguire esami diagnostici, soprattutto radiografie del torace, a letto per pazienti in isolamento, e permette di evitare così lo spostamento dei pazienti sospetti all’interno della struttura ospedaliera. Saranno anche acquistati umidificatori con generatore ad alti flussi, ossia dei sistemi utilizzati per migliorare la respirazione in fase iniziale di contagio o anche in situazioni post acuzie. La Direzione Generale della ASL di Bari ringrazia l’Istituto bancario che si è fatto promotore di questa spontanea iniziativa di solidarietà a sostegno dell’ospedale e di tutto il personale medico.

Al Perinei sono state fatte anche tre donazioni, tutte consistenti in mascherine, per un totale di 15.500 pezzi. Circa 10mila dispositivi FFP3 sono stati donati dalla Ditta Polo Group di Antonio Cornacchia, altri 500 sempre FFP3 dalla Ditta Engevo rappresentata da Gerardo Nardiello e, ancora, 5mila mascherine chirurgiche 3PLY messe a disposizione dal presidente Paolo Falcicchio e dai soci del Lions Club Altamura Host.

Solidarietà per Molfetta, Corato e San Paolo
Solidarietà anche all’Ospedale di Molfetta, al quale sono state donate 50 FFP2 e 50 mascherine chirurgiche con visiera, oltre ad un ventilatore polmonare presso-volumetrico, quest’ultimo fornito dall’Opera Pia Monte di Pietà e Confidenze.

All’Ospedale di Corato sono arrivate 250 mascherine per il reparto di Pediatria, mentre all’Ospedale San Paolo un benefattore cinese ha donato 6mila mascherine chirurgiche, la ditta Casa MILO di Bitonto sta facendo pervenire 400 mascherine FFP2 e nei giorni precedenti sono arrivati alcuni termometri digitali.

Termoscanner donati a tre Ospedali
E’ frutto della donazione dell’associazione M.i.Cro Italia ODV, rappresentata da Vincenzo Florio, l’acquisto di tre termoscanner da destinare agli ospedali della Murgia di Altamura, Di Venere e San Paolo di Bari. Strumenti utili per rilevare la temperatura corporea in modo rapido e sicuro nelle aree di pre-triage o, comunque, agli ingressi vigilati degli ospedali.

Ventilatori polmonari e altre strumentazioni a Putignano
Due ventilatori polmonari portatili e un sistema di ossigenazione ad alti flussi sono stati consegnati all’Ospedale “Santa Maria degli Angeli” di Putignano. Le apparecchiature sono già state assegnate alla UOC Anestesia e Rianimazione. Si tratta di due ventilatori polmonari portatili impiegati per la ventilazione non invasiva e invasiva e di un sistema Precision Flow usato per cure sub-acute di assistenza alla respirazione, quando risulti necessario supportare il paziente con ossigeno ad alti flussi riscaldato e umidificato. Questi dispositivi sono utilizzabili per trattare già all’interno del percorso protetto del Pronto Soccorso i casi sospetti con indicazione al supporto ventilatorio. Il loro impiego è anche previsto nell’area di degenza/assistenza dedicata, in cui i pazienti con tampone positivo vengono isolati e trattati, in attesa di trasferimento in Ospedale COVID.

La donazione di un ventilatore e del Precision Flow, in particolare, è nata da un’idea di un cittadino putignanese, Giuseppe Scaraggi, che ha pensato di raccogliere fondi sul portale di crowfunding internazionale “gofundme.com” e attraverso le donazioni su un numero di conto corrente messo a disposizione dal Comune di Putignano. Ed è il risultato di una catena della solidarietà anche il secondo ventilatore polmonare portatile, acquistato e donato dalla Fondazione Rotary Club Putignano Onlus.

Sempre a Putignano sono stati donati un termometro esterno (da Costantino Vinella) e 500 mascherine chirurgiche (dal locale Rotary Club), mentre sono in consegna un elettrocardiografo con telemetria, che permette la refertazione da remoto, e tre monitor multiparametrici per il monitoraggio delle funzioni vitali dei pazienti donati dalla Banca di Credito Cooperativo di Putignano.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here