Corso Italia continua ad essere la via scelta dai senza fissa dimora per trovare riparo. I portici del sottovia sono stati trasformati in veri e propri accampamenti grazie all’uso di mobili in disuso abbandonati ai lati dei cassonetti. Per non parlare della presenza di tossici e delle siringhe gettate sul marciapiede.

L’emergenza sanitaria dovuto ai contagi da Coronavirus ha inoltre portato gli addetti del Centro Diurno Area 51 a ridurre gli orari in cui i clochard possono accedere per usufruire dei servizi igienici. Ed è probabilmente per questo che i residenti sono costretti ad essere spettatori di scene in cui gli angoli della strada sono utilizzati per espletare le funzioni fisiologiche.

“Il tanfo è insopportabile – esclamano i cittadini – tutti i residenti del quartiere sono ormai succubi della situazione che si vede in corso Italia. Sappiamo che la loro vita non è facile, ma non è giusto che nessuno faccia qualcosa. Non parliamo solo di buon gusto, ma soprattutto di igiene che al momento nella via non esiste. Siamo davvero esausti”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here