Un infermiere in servizio nel reparto di Chirurgia Generale dell’Istituto Oncologico di Bari è risultato positivo al coronavirus, a darne notizia è il segretario aziendale Fials, Domenico Losacco. Il reparto, nei giorni scorsi, è stato chiuso dopo che un paziente ricoverato è risultato positivo al tampone; nell’occasione tutti i degenti sono stati trasferiti nell’Unità Operativa di Senologia.

“La Fials – scrive Losacco – ha contestato l’avventata decisione di trasferire tutti i pazienti da Chirurgia Generale a Senologia, e non certo per partito preso o perché i colleghi della U.O. di Senologia volessero sottrarsi alle loro responsabilità, ma semplicemente perché volevamo e ora pretendiamo garanzie sulla negatività di tutti quelli trasferiti”.

Al Policlinico – sottolinea – per una simile vicenda sono stati dimessi tutti i pazienti dimettibili e disposti i tamponi a quelli rimasti, nel nostro Istituto questo non è avvenuto. A questo punto vogliamo sapere quale protocollo è stato seguito qui all’Oncologico”.

“Abbiamo seri timori in merito alla gestione della sorveglianza sanitaria dei nostri colleghi  e dei dipendenti afferenti alle ditte esterne che merita adeguata tutela in questo periodo di emergenza. Se non averemo riscontro urgente su tutta questa vicenda, ricorreremo alla autorità giudiziaria”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here