I danni economici dovuti al coronavirus iniziano a farsi sentire in modo pesante. In casa Ladisa, per esempio, azienda nota e leader della distribuzione di pasti pronti per mense ospedaliere e scolastiche, solo per citarne alcune, dirigenti e quadri si sono ridotti la retribuzione di circa il 60% per tutto il 2020.

Sul fronte occupazionale ci sono già circa 2mila dipendenti in cassa integrazione e un esodo di 150 unità. Numeri impressionanti che si spiegano col fatto come un buon 90% delle commesse per l’azienda sono nel nord Italia. La frenata economica generale ha ridotto il fatturato giornaliero della Ladisa ristorazione di 500mila euro al giorno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here