“È colpa mia, mi assumo tutta la responsabilità, abbiamo chiesto l’autorizzazione tempo fa e avremmo dovuto aspettare, magari non sarebbe mai nemmeno arrivata. Sono stati attimi di terrore quando sul posto sono arrivate otto pattuglie dei Carabinieri”. Il rapper e produttore musicale Nilo recita il mea culpa. Lui, Faylad e un’altra quindicina di persone sono state denunciate dai Carabinieri, arrivati in forze e di gran carriera mentre loro giravano un videoclip.

Colpa di tutto è la scena che stavano girando, l’assalto a un furgone portavalori, simulato con armi giocattolo senza bollini e tappini rossi sulla canna per essere più credibili. “Hanno sequestrato il drone, che non abbiamo utilizzato – spiega Nilo -. Io ho invece ho voluto consegnare la scheda della telecamera per fargli vedere cosa avevamo realmente girato. Le auto, al contrario di quanto è stato scritto, non sono state sequestrate. Sappiamo che probabilmente affronteremo un processo, ma il messaggio che volevamo lanciare era positivo”. Nilo, 33 anni, è un volto noto nella produzione di videoclip, anche musicali. Ha collaborato anche con la Universal e tra i suoi clienti ha numerose aziende quotate.

Quando si è sparsa la notizia, è successo il finimondo, ma soprattutto l’accaduto ha talmente scosso gli animi, che la pubblicazione del brano, di cui vi facciamo ascoltare il ritornello in anteprima esclusiva, è al momento in forse: “Io voglio far uscire la canzone – racconta Faylad -. Alla fine domenica mattina 15 persone si sono ritrovate per qualcosa di buono anzi che andare la sera prima a ballare, bere, ubriacarsi o fare i fatti loro, erano concentrati su quel messaggio”. Falylad ha 26 anni, di cognome è Gafurov. È venuto a Bari per seguire sua madre, che intanto aveva trovato il suo amore qui, quando aveva 8 anni. Il suo nome l’ha letteralmente inventato sua nonna. Il ragazzo, di origine Turkmena, lavora in un panificio a Barivecchia sognando di sfondare nel mondo della musica.

“Abbiamo usato il linguaggio di giovani, che tanto va di moda in questo momento: musica trap e ritornello neomelodico”, spiega Giuseppe Giocondo, 29 anni originario di Minervino Murge. Lui è l’autore del brano. “Si tratta di un ragazzo immischiato in questa rapina – continua l’autore – che sul più bello, pensando alla sua fidanzata incinta, sceglie di lasciare quella vita, perché non si può che finire male”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here