immagine di repertorio

Manutenzione solo su carta. È questo il sospetto della Procura di Bari, che ha così aperto un nuovo fascicolo d’indagine in cui sono finiti 12 tra attuali ed ex dipendenti e dirigenti dell’Amtab. Stando a quanto è emerso finora, la municipalizzata del trasporto pubblico locale avrebbe fatturato a officine esterne alcune riparazioni che, in realtà, non sarebbero mai state effettuate. Il periodo in questione riguarda il 2014 e il 2015 e i documenti fiscali oggetto di approfondimenti è per un importo complessivo pari a quasi un milione di euro.

Due sono i casi più lampanti: il primo riguarda interventi di riparazione effettuati in casa, ma per cui risulta emessa la fattura da una officina esterna; il secondo è invece relativo a delle stesse operazioni di manutenzione per cui risultano emesse fatture da due officine diverse.

Nel registro degli indagati figurano i titolari di tre officine, una già oggetto di interessamento da parte della magistratura. In corso, infatti, ci sono già due processi che riguardano le riparazioni e la manutenzione dei mezzi, riferiti però agli anni tra il 2010 e il 2014.

Non risulta indagato il presidente dell’Amtab, Pierluigi Vulcano, insediatosi nel 2017 e dunque in anni successivi a quelli oggetto dell’inchiesta. Vulcano, per parte sua, minimizza parla solo di irregolarità amministrative, per sapere finirà questa seconda indagine sulla manutenzione bisognerà attendere.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here