Terrore nel reparto di Ostetricia nell’ospedale barese Di Venere, quando nel cuore della notte alcuni familiari di una neomamma sono arrivati alle mani. L’episodio, accaduto la settimana scorsa alle 3 di notte, è stato denunciato ai vertici del nosocomio. Sul posto sono intervenuti i Carabinieri.

La mamma di una donna che aveva appena partorito si è fatta aprire la porta del reparto dicendo che avrebbe dovuto assistere la figlia. Una volta in camera la donna ha scoperto la presenza della compagna del suo ex. Da qui è successo il pandemonio.

Le due donne se le sono date di santa ragione prima in camera, poi nel corridoio, dove una delle due è stata trascinata per i capelli. La paziente, preso il figlio in braccio, si è messa al sicuro così come intanto facevano le altre donne ricoverate. La lite è peggiorata quando nel reparto ha fatto irruzione il marito della donna ricoverata, che ha massacrato di botte la mamma naturale di sua moglie.

Traumi e ferite così gravi da essere necessario il ricovero, in un primo momento previsto addirittura in rianimazione, poi fortunatamente non più necessario. Al contrario di quanto appreso inizialmente, è stato sufficiente, si fa per dire, il ricorso al Pronto Soccorso. “C’era sangue che schizzava ovunque, sembrava la scena del crimine di un telefilm americano – racconta uno dei testimoni -. Abbiamo avuto paura e ci siamo barricati nelle stanze tra le urla generali e il pianto dei bambini, anche loro spaventati”. L’episodio, fin’ora taciuto, ripropone la questione della sicurezza del personale sanitario, soprattutto in certi reparti di alcuni ospedali.

L’Ostetricia del Di Venere è quello che letteralmente si può definire un porto di mare. Parenti, familiari e addirittura estranei entrano a qualunque ora del giorno e della notte, agevolati dal maniglione antipanico della porta di accesso e dalla mancanza di vigilanza.

Abbiamo provato a chiedere ulteriori particolari al personale, ma nessuno ha voglia di parlare. C’è solo tanta rabbia per il silenzio che ha avvolto il gravissimo episodio di cronaca.

print

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here