Cosmo Giancaspro è tornato in libertà. All’ex patron del Bari Calcio, accusato dalla Procura di Trani di essere il promotore di una associazione per delinquere finalizzata a riciclaggio, autoriciclaggio e bancarotta fraudolenta, sono stati revocati gli arresti domiciliari dal gip del Tribunale di Trani Lucia Anna Altamura, accogliendo l’istanza dei difensori, il professor Vito Mormando e l’avvocato Raffaele Troiano.

Stando alle indagini della magistratura Giancaspro, da dirigente occulto della Vigor Trani Calcio, avrebbe finanziato la società sportiva ottenendo in cambio dal Comune la gestione della Stadio e la promessa di altri appalti. Per questi fatti è stato detenuto in carcere dal 17 maggio ai primi di giugno e poi fino ad oggi agli arresti domiciliari.

Nell’inchiesta sono sono coinvolte altre nove persone, tra le quali il sindaco di Trani Amedeo Bottaro, ex dirigenti della squadra di calcio e altri presunti prestanome dell’ex patron del Bari.

Giancaspro ha in corso a Bari un altro procedimento per la presunta bancarotta fraudolenta della società Finpower. Per questa vicenda ha ottenuto già nei mesi scorsi revoca dei domiciliari sostituita con l’interdizione dall’attività d’impresa.

print

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here