La morte di Ettore Weber, il domatore morto durante le prove per lo spettacolo del circo Marina Mont Orfei, a Triggiano, il 4 luglio scorso, continua a far discutere. Alla tragica fine dell’uomo sono seguiti il sequestro degli animali e le polemiche da quando si è iniziato a parlare della loro soppressione. In una intervista rilasciata al quotidiano Il Giorno, la moglie del defunto domatore, Loredana Vulcanelli, si dice contraria: “È stato un errore di mio marito”.

Presente al momento fatale, la donna spiega:”Ogni sera dalle 20 alle 21 allineiamo le tigri e facciamo un’esibizione privata tra di noi, per avere un contatto costante con gli animali”. Poi racconta qui drammatici avvenimenti: “La prima tigre è salita sullo sgabello, mio marito è indietreggiato mentre io facevo venire la seconda tigre. Lui ha fatto 3 passi in più rispetto al solito e girandosi era convinto di essere nel mezzo. Invece era sotto alla tigre. Ha sbagliato il movimento”.

Quanto al coinvolgimento delle altre tigri nella morte del marito, è molto chiara: Sono tornate impaurite dentro il tunnel. La tigre che l’ha colpito, Sultan, è rimasta sopra mio marito, come a vegliarlo. È come se si fosse resa conta dell’errore”.

“Non voglio che la tigre venga soppressa – aggiunge – le abbiamo cresciute col biberon nella roulotte. Nella tomba ho messo anche le sue fruste, che per lui erano preziose come diamanti”.

print

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here