Questa mattina i militari del Gruppo Carabinieri Forestale di Bari – Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale, Agroalimentare e Forestale, con l’ausilio delle Compagnie di Modugno e di Triggiano, hanno eseguito quattro misure cautelari reali, emesse dall’Ufficio Gip di Bari su richiesta della Procura, due nei confronti di persone residenti a Bari e due residenti a Triggiano, nonché a carico di una ditta di commercio di metalli ferrosi con sede a Modugno, responsabile ai sensi del D.L.vo 231/2001.

Le indagini, durate per circa tre mesi, e svolte con l’ausilio di strumenti di rilevazione video fotografica, hanno portato alla luce un’attività sistematica di smaltimento illecito di ingenti quantità di rifiuti, prevalentemente plastici, mediante combustione, con conseguente compromissione dell’ambiente a causa della produzione di liquami tossici.

L’attività illecita si svolgeva in un terreno in agro di Triggiano, in prossimità di Lama San Giorgio, in area sottoposta a vincolo paesaggistico. Le contestazioni riguardano i delitti di cui agli artt. 452 bis c.p., 256 bis D.L.vo 152/06:
– smaltimento illecito di rifiuti speciali di tipo plastico utilizzati in attività agricola e combustione degli stessi sul suolo;
– inquinamento ambientale per aver cagionato un deterioramento significativo del suolo mediante la produzione di diossine e rifiuti liquidi neri derivanti dalla combustione della plastica.

A carico dell’impresa, per il risparmio dei costi di smaltimento, è imputata anche la responsabilità per illecito amministrativo derivante da reato. Sono stati sottoposti a sequestro preventivo, ai fini di confisca, una porzione di terreno di circa 1800 mq, 2 autocarri con cassone ribaltabile – utilizzati per il trasporto e lo scarico sul suolo dei rifiuti – 1 autovettura e 2 motocarri utilizzati dai responsabili per il recupero del materiale ferroso e per recarsi sul posto per procedere alle combustioni.

print

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here