La Procura di Bari ha deciso di non fornire informazioni al ministro dell’Interno, Matteo Salvini, circa le indagini sui presunti voti di scambio alle scorse elezioni comunali. Il motivo dato è perché “sono coperte da segreto”. Questa è la risposta inviata ieri pomeriggio dal procuratore di Bari, Giuseppe Volpe, al Viminale in replica alla richiesta urgente di informazioni sull’inchiesta.

Il ministro dell’Interno dovrà rispondere oggi pomeriggio ad una interrogazione parlamentare presentata da Giuseppe Brescia, deputato barese del Movimento 5 Stelle e presidente della Commissione Affari costituzionali di Montecitorio.

Per questa ragione è arrivata la richiesta di Salvini sulla scrivania di Volpe alla quale però il capo degli uffici inquirenti baresi ha risposto spiegando di non poter fornire quando richiesto, perché le indagini in corso sono tuttora coperte dal segreto istruttorio

print

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here