“Mi rivolgo a tutti i genitori, a chi ha dei figli e sa cosa significa. Oggi pomeriggio mio figlio è stato pestato brutalmente, ora è in ospedale sotto osservazione con il viso tumefatto e commozioni alla testa. Se qualcuno ha visto o sa qualcosa vi prego mi contatti in privato. Dobbiamo fermare questi vermi pensate se fosse un vostro figlio o un vostro fratello”. L’appello di Gennaro per quanto accaduto ieri pomeriggio a Palese è immediatamente stato raccolto e condiviso da tanti, quanto accaduto ha subito suscitato indignazione e rabbia.

Il brutale pestaggio, sulle cui cause ancora non ci sono certezze, è avvenuto sul braccio del porto a Palese, e non a Santo Spirito, come erroneamente riferito dalla vittima sotto shock al padre. L’auspicio è che si faccia avanti un testimone: “Non voglio giustizia – scrive ancora il genitore – ma voglio che queste cose non succedano più a nessuno, perché il dolore di vedere un figlio conciato in quella maniera ti logora dentro”.

print

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here