Assemblea dei dipendenti di CBH S.p.A. l’altro giorno, convocata da Cisl FP, Cimop, Ugl Sanità, Cisal Sanità, Fials, Usppi e Fsa. Alla base dell’incontro, le grandi preoccupazioni espresse da tutti i lavoratori circa la carenza di personale nei reparti di degenza, nei servizi sanitari e non sanitari. La situazione di criticità denunciata, determinatasi prevalentemente per l’incentivo all’esodo del personale e per la quiescenza degli aventi diritto (quota 100), ha prodotto deficit assistenziali da non sottovalutare.

La situazione organizzativa, scrivono i sindacati all’esito della riunione coi lavoratori, lascia molto a desiderare e non fa intravede una visione d’insieme all’altezza delle dimensioni e del prestigio di un ospedale privato polispecialistico con 449 posti letto, sede di pronto soccorso DEA di I livello, quale è la Mater Dei. L’assemblea ha trattato tutti i temi previsti nell’ordine del giorno, aggiungendone altri, portati all’attenzione degli operatori interessati. A conclusione del dibattito, i lavoratori hanno conferito ai sindacati un mandato ampio e articolato. In particolare, i dipendenti del gruppo chiedono:

A) di intraprendere tutte le iniziative utili e necessarie al fine di riportare l’assetto organizzativo nell’alveo della buona pratica gestionale;
B) di attivarsi per far rispettare gli standard organizzativi del personale previsti dagli accreditamenti istituzionali;
C) di sollecitare la Società al rispetto in tutte le sue parti della delibera di istituzione del Pronto Soccorso;
D) di risolvere immediatamente le criticità del laboratorio analisi per gli aspetti professionali e organizzativi;
E) di invitare le Direzioni e i Responsabili dei servizi sanitari e non a diramare gli ordini di servizio per iscritto e firmati, compresi i turni di lavoro nel rispetto della normativa
vigente.

I nodi da sciogliere sono evidentemente molti, al pari dei timori per il Gruppo e di conseguenza per il futuro occupazionale del personale attualmente impiegato a servizio dei malati, con inevitabili ripercussioni sull’assistenza prestata.

print

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here