Ladri in azione la notte scorsa nel Centro regionale di neuropsichiatria infantile Colli Grisoni in via Cotugno, a Bari. Approfittando dell’oscurità e sopratutto del facile accesso alla struttura, ignoti si sono introdotti per mettere tutto a soqquadro e portare via una 20 di computer in dotazione al centro, oltre a una lavasciuga.

I danni subiti sono notevoli. Nonostante già in passato i ladri abbiano già preso di mira il centro, purtroppo non ci sono telecamere, per cui sarà davvero complicato riuscire a identificare chi è stato. L’amara scoperta è stata fatta questa mattina dagli operatori del centro, costretti anche a interrompere il servizio.

La carenze, denunciate dal consigliere di opposizione e candidato sindaco per ScelgoBari Irma Melini, sono molteplici: “I cancelli sono sempre aperti, le finestre a ghigliottina si aprono dall’esterno, manca un impianto antincendio ed è priva di un sistema di illuminazione esterna, senza contare i lavori di rifacimento mal terminati. Il centro è abbandonato a se stesso”.

“È vergognoso  – ha aggiunto Melini – che oltre venti medici, per per lo più donne, ma anche genitori con bambini, lavorino e frequentino una struttura presa di mira da vandali, drogati e utilizzata di notte per i più disparati usi. Chiedo con fermezza che nelle prossime ore il direttore della Asl e il sindaco di Bari si adoperino per la messa in sicurezza”.

print

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here