Cosmo Giancaspro resta agli arresti domiciliari. I giudici del Tribunale del Riesame hanno rigettato la richiesta dei legali dell’ex presidente del Bari che chiedevano la revoca della misura cautelare. Allo stesso tempo è stata rigettata anche la richiesta della Procura di Bari che chiedeva la custodia in carcere.

L’imprenditore di Molfetta  era stato arrestato lo scorso 26 settembre dalla Guardia di Finanza nell’ambito dell’inchiesta relativa al crac del gruppo Finpower: per lui l’accusa è di bancarotta fraudolenta per oltre 10 milioni di euro

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here