L’aggravante del femminicidio è stata contestata oggi nei confronti del 32enne barese Marco Basile, imputato per l’omicidio volontario della compagna, la 48enne Donata De Bello, il cui corpo senza vita fu trovato il 13 luglio 2017 nella casa al quartiere Madonnella dove i due convivevano.

Il corpo, che presentava ferite di arma da taglio, era chiuso in un armadio nella camera da letto, avvolto in un cellophane e poi in un tappeto e legato con delle corde.

L’imputato, difeso dagli avvocati Stefano Remine e Massimo Guarini, è a processo con il rito abbreviato. Stando alle indagini dei Carabinieri all’origine dell’omicidio ci fu un litigio tra i due conviventi, culminato con una coltellata alla giugulare della donna.

print

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here